L’olio d’oliva previene l’Alzheimer

L’olio d’oliva previene l’Alzheimer

L’olio d’oliva, protagonista della dieta mediterranea, è in grado di aiutare il cervello contro le malattie neurodegenerative, Alzheimer in primis.

Lo sostiene uno studio del Monell Center e della Northwestern University di Chicago pubblicato da “Toxicology and Applied Pharmacology “.

Gli scienziati hanno riprodotto tramite coltura cellulare un modello di ippocampo (parte del cervello umano, sede della memoria e primo bersaglio della malattia).
Essi hanno così scoperto come l’oleocantale (un componente dell’olio d’oliva) interferisse con le proteine ADDL, alleate dell’Alzheimer e dannose per l’organismo. In particolare
l’oleocantale, modifica le ADDL impedendo loro di legarsi con le sinapsi, gli elementi elementi che consentono la comunicazione tra le cellule del tessuto nervoso, i neuroni; inoltre, è
anche in grado di difenderle dai danni del tempo e dall’usura.

Spiega il dottor Paul Breslin: “I risultati possono aiutare a identificare efficaci misure preventive e portare a migliori terapie nella lotta contro la malattia di Alzheimer”.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento