Romagnoli: La patata è eccellenza alimentare italiana

Romagnoli: La patata è eccellenza alimentare italiana

Milano – L’Italia è considerata in tutto il mondo come la patria del gusto e della qualità alimentare, grazie ai numerosi prodotti agroalimentari DOC e IGP riscontrabili in tutto il territorio nazionale. Ma in pochi sono a conoscenza un’insospettabile e radicata tradizione regionale di eccellenza, con diverse varietà di assoluto pregio: le patate.

Romagnoli, una delle principali realtà nazionali nella lavorazione e commercializzazione di prodotti ortofrutticoli e, in particolare, delle patate, è da sempre impegnata nella loro valorizzazione come eccellenze alimentari italiane, palesando questa ricchezza strettamente legata alle tradizioni locali e alle singole aree di produzione.

A sottolineare questo impegno e l’importanza del patrimonio “nascosto”, quali sono le varietà di patate presenti in Italia, Romagnoli ha realizzato una mappatura dei principali presidi territoriali e del loro apporto ai piatti della tradizione regionale. La geografia italiana si popola di varietà tipiche e di piatti in un viaggio tra terre e sapori che spazia dalla Patata del Brallo (PV) per le patate al grasso d’oca alla Novella di Galatina (LE) per la pitta di patate leccese e il classico riso, patate e cozze, passando per la Patata di Montese (MO) e i ravioli di patate e la Patata di Valledoria (SS) per la pagnotta sarda con patate.

Claudio Sadler

Claudio Sadler

“Ci stiamo spendendo da tempo perché alla patata sia riconosciuto il suo ruolo di autentica eccellenza alimentare italiana” – dichiara Giulio Romagnoli, Amministratore Delegato di Romagnoli Fratelli SpA. “Il nostro obiettivo è avvicinare i consumatori al valore culturale e tradizionale di un alimento che, nelle sue varietà legate ai territori, è diretta espressione di quel mosaico di saperi e sapori che ha fatto grande la cucina italiana.”

L’iniziativa lanciata da Romagnoli trova il patrocinio di uno dei nomi più importanti dell’alta cucina italiana e internazionale: lo chef bistellato Claudio Sadler, che dichiara: “La banalizzazione del cibo è una tendenza che va contrastata a ogni livello perché non solo è appiattimento, ma è anche la negazione della specificità della nostra cultura alimentare, fondata sull’arte di esaltare e armonizzare tra loro i sapori delle materie prime a disposizione. Per questo è importante che si crei consapevolezza e rispetto per un alimento popolare come la patata, che merita di essere valorizzata secondo le sue caratteristiche.”

Chiara Danielli
Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento