Rifiuti buoni. A Salerno arriva la scarola, l’insalata “riciclata”

Rifiuti buoni. A Salerno arriva la scarola, l’insalata “riciclata”

Debutta oggi in negozi e supermercati la scarola riciclata, insalata che vanta una particolare origine.

L’idea della scarola prende piede nella Salerno del 2009, in piena emergenza rifiuti. La Cia (Confederazione Italiana Agricoltori), l’Università locale ed il Ministero delle Politiche
Agricole, alimentari e forestali. Il trio di attori vuole dimostrare come una gestione corretta dei rifiuti non si limiti a ridurne il problema, ma può diventare spinta e stimolo per
l’occupazione e la produzione.

Infatti, la particolarità della scarola sta nella sua origine, i rifiuti domestici di tipo umido-organico.

Una partenza vantaggiosa: come spiegano gli esperti Cia, tale compost selezionato arricchisce la qualità del suolo e diminuisce alcuni costi di gestione, come quello del fertilizzante.

Forse anche per questo, la scarola riciclata si è conquistata il sostegno del Conad. Oggi e domenica 20, i punti vendita di Salerno e provincia offriranno l’insalata, accompagnata da
studiosi Cia e dell’Università, pronti a rispondere alle domande dei clienti.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento