Ricerca in Piemonte, nuovo bando sulle tecnologie convergenti

Torino, 31 Ottobre 2007 – Al via il nuovo bando messo a punto dalla Regione Piemonte per sostenere i progetti di ricerca industriale e di sviluppo precompetitivo realizzati
congiuntamente da Atenei, centri di ricerca pubblici e privati e imprese. Un provvedimento innovativo che si allinea agli standard europei e che valorizza una costante collaborazione fra atenei
e aziende su progetti di ricerca scientifica per favorire il trasferimento di conoscenze, saperi e nuove tecnologie.

Pubblicato oggi sul Bollettino ufficiale regionale, il bando sulle “converging technologies” cofinanzierà progetti per attività di ricerca su aree tematiche definite dalla
convergenza e dalla combinazione di diversi settori: nanoscienze e nuovi materiali, bioscienze, ICT, scienze cognitive. Potranno presentare domanda di finanziamento gli atenei piemontesi e gli
enti pubblici di ricerca dotati di sede legale o di laboratori nel territorio della regione Piemonte, insieme a una o più imprese produttrici di bene e servizi. La dotazione complessiva
del bando è di 26 milioni di euro, di cui il 50%di provenienza regionale e il restante 50% proveniente da fondi CIPE. Saranno però finanziati i progetti di ricerca
industriale e di sviluppo sperimentale di valore compreso tra i 3 i 10 milioni di euro e la durata del progetto dovrà essere compresa tra i 18 mesi ed i 36 mesi.

“Per accedere ai finanziamenti – ha spiegato l’assessore all’Innovazione e alla Ricerca, Andrea Bairati – gli atenei e i centri di ricerca pubblici e privati dovranno
presentare progetti redatti congiuntamente con le imprese. Tutte le candidature saranno sottoposte alla valutazione di esperti internazionali. Si tratta del primo bando – in Italia – che
accoglie le indicazioni delle autorità comunitarie in materia di tecnologie trasversali. Entro la fine dell’anno sarà pronto anche il bando sui sistemi di produzione avanzati,
altri 18 milioni di euro destinati alle realtà del nostro territorio che si occupano di ricerca.”

Leggi Anche
Scrivi un commento