Progetto UE mira a contribuire alla prevenzione del bullismo nelle scuole

Ricercatori tedeschi, portoghesi e del Regno Unito hanno sviluppato un gioco di ruolo interattivo per aiutare i bambini ad affrontare gli episodi di bullismo nelle scuole; attualmente, oltre 1
000 bambini in tutta Europa partecipano a studi pilota che analizzano il possibile impatto del nuovo software sulla riduzione del bullismo scolastico.

Gli scienziati che seguono gli studi sono membri del progetto finanziato dall’UE Kaleidoscope, una rete di ricerca paneuroepa che si occupa dell’apprendimento mediante supporti tecnologici.

Nel gioco per computer appositamente sviluppato «FearNot!» (Non temere!) ogni bambino assume il ruolo di un amico invisibile del personaggio vittima delle intimidazioni, discutendo
i problemi e prendendo in esame possibili soluzioni e strategie di risposta. Il consiglio fornito successivamente influisce sulle azioni della vittima.

Con «FearNot!» i ricercatori adottano un approccio nuovo e innovativo per indurre i bambini a riflettere su un argomento delicato come il bullismo. «Questo ambiente virtuale
interattivo a tre dimensioni offre un porto sicuro ai bambini, che assistono a scene di bullismo senza esserne coinvolti direttamente», ha spiegato Rui Figueiredo, uno scienziato
dell’Istituto portoghese di informatica e ingegneria dei sistemi e tra i ricercatori aderenti al progetto Kaleidoscope. «Utilizziamo nuove tecniche narrative che consentono all’utente di
decidere il percorso che deve seguire la storia», ha aggiunto.

Il problema del bullismo nelle scuole spesso viene sottovalutato. Dagli studi emerge però che questo tipo di comportamento si può riscontrare in quasi tutte le scuole e che la sua
incidenza è piuttosto elevata. Il bullismo può assumere forme diverse, tra cui l’ingiuria, la diffusione di voci e bugie, la minaccia, il ricatto e la violenza.

Il gruppo di ricerca Kaleidoscope presenterà ulteriori dati sul suo lavoro all’imminente Simposio Kaleidoscope 2007, che si terrà il 26 e 27 novembre a Berlino.

Leggi Anche
Scrivi un commento