Profumo di rosmarino: migliora l’umore, attiva la mente

Profumo di rosmarino: migliora l’umore, attiva la mente

Il profumo di rosmarino aggiusta mente e psiche, attivando la prima e curando la seconda.

Questa la tesi presente in una ricerca della Northumbria University (sezione Brain, Performance and Nutrition Research Center), diretta dali dottori Mark Moss e Lorraine Oliver.

Gli scienziati sono stati incuriositi dal ruolo del rosmarino nella storia.

Oggi è usato come insaporitore alimentare ma nel passato era cardine della medicina e di alcune religioni, e veniva bruciato per scacciare malattie, pestilenze e spiriti maligni.

Per cercare la radice di queste pratiche, gli scienziati hanno estratto dal rosmarino il composto 1,8 Cineolo, che la pianta libera nell’aria (fa parte del profumo).
Dopodiché, sono stati selezionati 20 volontari: loro sono stati trattati con dosi differenti del composto, gli esperti hanno valutato performance mentali e stato psichico.

In base ai controlli, l’1,8 Cineolo penetra nel corpo umano attraverso la mucosa nasale o polmonare. Dopodiché, agiva sulla barriera emato-encefalica e sui processi neurochimici
collegati. Di conseguenza, più Cineolo entrava nel flusso sanguigno, migliore era l’umore e più alte le prestazioni mentali del campione, misurate tramite la precisione e
l’esecuzione di test.

Nessun legame tra i livelli di Cineolo e gli stati di attenzione e vigilanza.

In ogni caso, concludono i ricercatori, il lavoro svolto dimostra come il profumo di rosmarino abbia effetti reali sugli stati mentali e psicologici di chi lo inala.

FONTE: Amanda Chan “Rosemary Brain Benefit: Study Shows Link Between Herb Chemical And Brainpower”, The Huffington Post, 27/02/012

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento