Yerba Mate, il tè che combatte il cancro al colon

Yerba Mate, il tè che combatte il cancro al colon

Il tè preparato con le foglie di Yerba Mate combatte il cancro al colon, eliminando le cellule infette e favorendo così la guarigione del paziente.

Questi gli argomenti di una ricerca dell’Università dell’Illinois, diretta dalla professoressa Elvira de Mejia e pubblicata su “Molecular Nutrition and Food Research”.

La Yerba Mate, detta anche Cimarrón, è particolarmente diffusa nell’America Meridionale: l’infuso che se ne ricava viene utilizzato sia per scopi alimentari che come medicina.

Partendo da qui, la squadra dell’Illinois ha lavorato sulle foglie, estraendone acido caffeilchinico (CQA). Dopodiché, sono stati condotti esperimenti, dove CQA veniva applicato a cellule umane infettate dal tumore. Come spiega la dottoressa de Mejia, a concentrazioni sufficientemente alte l’acido caffeilchinico danneggiava il DNA delle cellule, spingendole ad apoptosi (morte programmata).

Allora, la dottoressa ritiene che la Yerba Mate offra diverse potenzialità. Per cominciare, i suoi principi attivi verranno messi alla prova contro altri tipi di tumore, vedendo se l’effetto è lo stesso di quello verificato. Inoltre, tali principi attivi hanno proprietà antinfiammatorie, valide anche per gli individui sani.

FONTE: A. Berhow, Karl Vermillion, Greg Potts and Elvira Gonzalez de Mejia, “Dicaffeoylquinic acids in Yerba mate (Ilex paraguariensis St. Hilaire) inhibit NF-κB nucleus translocation in macrophages and induce apoptosis by activating caspases-8 and -3 in human colon cancer cells”, Molecular Nutrition and Food Research, Volume 55, Issue 10, October 2011, Pages:1509-1522, DOI: 10.1002/mnfr.201100128

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento