Probiotici, difesa contro il freddo e malattie

Probiotici, difesa contro il freddo e malattie

L’Italia è vittima difreddo eccezionale, con neve abbondante e temperature molto basse.

Per difendersi, ci sono diverse misure: evitare di uscire senza motivo, coprirsi bene, scegliere una giusta alimentazione.


A riguardo, spiccano i probiotici, i cui meriti sono oggetto di analisi scientifiche. Per gli esperti, i batteri buoni sono in grado di agire ad ampio spettro. Oltre alla conosciuta
difesa dell’intestino, ad esempio, essi proteggono dalle allergie e rendono i bambini meno soggetti all’eczema atopico.

E poi, la difesa contro il freddo. L’Osservatorio AIIPA (Associazione Italiana Industrie prodotti Alimentari – Area Integratori Alimentari) spiega come il consumo di probiotici possa stimolare
il sistema immunitario e difendere dalla malattie da raffreddamento. A riguardo, AIIPA ricorda come i per tali disturbi non esista un farmaco totalmente efficace ed, al contrario, i
probiotici offrano supporto ad adulti e minori.

Gli studi citati (Corthesy et al., 2006; Lomax & Calder, 2009) mostrano infatti come l’età faccia la differenza.

Per i bambini, l’assunzione di probiotici riduce il rischio di otiti medie acute precoci e rende necessarie dosi minori di antibiotici. per le infezioni respiratorie ricorrenti durante
il primo anno di vita.Per gli adulti, i “batteri buoni” facevano calare la durata del raffreddore, rendendo i sintomi meno evidenti.

Allora, concludono i ricercatori AIIPA, gli studi presi in esame mostrano come i probiotici siano capaci di sostenere l’organismo contro i danni da freddo.

BIBLIOGRAFIA:

Ufficio Stampa AIIPA – Ketchum

Franca Marangoni, Andrea Poli,”Dossier Scientifico su probiotici e prebiotici”, a cura di Franca Marangoni e Andrea Poli, Nutrition Foundation of Italy, (NFI)

“Probiotici e salute – stato dell’arte basato sulle evidenze”, Nutrition Foundation of Italy (NFI)

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento