Piattaforma europea di esperti per la misurazione delle emozioni umane

La nuova piattaforma europea di esperti si prefigge l’obiettivo di discutere i modi migliori per misurare i sentimenti e le emozioni umane, secondo i partecipanti al nuovo progetto finanziato
dall’UE, i risultati della piattaforma FEEL EUROPE contribuiranno a creare la base per nuovi filoni di ricerca, nonché tecnologie e attività di cooperazione e innovazione in
diverse applicazioni e settori industriali.

Nei prossimi mesi, oltre 30 scienziati, ingegneri e altri esperti di 10 paesi europei discuteranno di possibili modi per misurare le emozioni umane, cercando anche di prevedere specifiche
applicazioni tecniche. Tuttavia, il progetto attuale non intende ancora trovare soluzioni, secondo quanto afferma il professor Klaus-Peter Hoffmann del Fraunhofer Institute for Biomedical
Engineering (IBMT) in Germania, che coordina il progetto con il professor Eduardo Fernandez dell’Università Miguel Hernandez di Elche, in Spagna.

Nella prima fase del progetto, i partecipanti cercheranno di fornire un quadro sintetico della situazione attuale e di formulare ipotesi per il futuro, che saranno pubblicate in un Libro bianco
nel corso del 2008, spiega il professor Hoffmann. «Queste riflessioni potrebbero poi servire come base per nuove idee di progetti nell’ambito del Settimo programma quadro (7°
PQ).» I progetti potrebbero studiare nuovi sistemi tecnici cognitivi, quali interfacce uomo-computer (HCI), sistemi per l’apprendimento emotivo o addirittura la possibilità di
dotare i robot della capacità di esprimere emozioni.

Tuttavia, sentimenti ed emozioni sono per definizione un’area sensibile. Quindi, la piattaforma affronterà anche tematiche relative al genere e alla diversità e questioni etiche,
chiedendosi anche se tutti i sistemi robotici dovrebbero essere in grado di esprimere emozioni. Il seminario di inaugurazione in Germania ha chiaramente dimostrato che occorre mantenere una
distinzione emotiva tra esseri umani e robot. «Abbiamo pensato a bambini e adolescenti: immaginateli mentre crescono circondati da robot che continuano a sorridere anche quando si
prendono un calcio negli stinchi. Questo potrebbe inibire fortemente lo sviluppo della loro competenza sociale», rileva il professor Hoffmann.

Poiché sentimenti ed emozioni hanno un impatto psicologico, esistono vari metodi di misurazione che possono aiutare ad individuarli, quali il riconoscimento vocale, l’osservazione della
pressione sanguigna, il polso, la respirazione o risposte cutanee simpatiche. Tuttavia, nel documento sulle prospettive del progetto si legge che «mentre oggi i principi di misurazione
sono ben noti e il corpo biologico si può studiare con mezzi elettrici, magnetici, termici, meccanici, ottici, acustici e chimici, per la misurazione delle emozioni occorrono nuove
combinazioni di questi metodi con nuovi algoritmi di segnalazione».

Leggi Anche
Scrivi un commento