Pesce al mercurio, troppo a New York, e in Italia?

Roma – Il New York Times ha fatto analizzare i cibi serviti in 20 ristoranti prestigiosi della Grande mela (New York, USA) e ha scoperto che i livelli di metallo presenti nel pesce sono
fuori norma, in particolare e’ stato rilevato troppo mercurio nel sushi: oltre 49 microgrammi del pericoloso metallo in una porzione da sei, cioè 8,1 microgrammi per porzione.

Il mercurio può portare alterazioni nello sviluppo cerebrale dei bambini e, ad un livello più alto, alterazioni neurologiche negli adulti. La fonte principale di assunzione del
mercurio e’ il pesce ed i prodotti della pesca. La quantità di mercurio nei pesci e’ di 0,5 mg per kilogrammo di prodotto ad eccezione di una serie di prodotti (1) il cui livello
massimo, chissà perché, si raddoppia al valore di 1 mg per kilogrammo.
Abbiamo scritto una lettera al ministro della Salute, Livia Turco, per sapere quali controlli sono stati effettuati in Italia e quali sono stati i risultati.
Una interrogazione, in tal senso e’ stata preannunciata dalla deputata Donatella Poretti (RNP).

Primo Mastrantoni, segretario Aduc.

(1) Aguglia imperiale, anguilla, granatiere, ipoglosso, luccio, lupo di mare, molva azzurra, mustella, palamita, palamita bianca, palombo, pesce sciabola, pesce spada, pesce specchio
atlantico, pesce vela, ruvetto, rana pescatrice, razze, scorfano, spigola, squali (tutti), storione, tirsite, tonno.

Leggi Anche
Scrivi un commento