Per non ingrassare? Più calorie a pranzo, meno a cena

Per non ingrassare? Più calorie a pranzo, meno a cena

Pranzo e cena: sono i pasti più importanti della giornata, ed il modo in cui li si affronta può fare la differenza riguardo al peso. Infatti, un regime che preveda più calorie per il primo rispetto al secondo aiuta a controllare il peso.

Lo afferma una ricerca dell’Università della California e pubblicata sul “Journal of Human Nutrition And Dietetics”.

Gli studiosi hanno preso in esame 239 volontari adulti, osservando le loro abitudini alimentari. E’ allora emerso come coloro che consumavano il 33% delle calorie a pranzo aveva una minore probabilità di essere sovrappeso. Al contrario, coloro che consideravano la cena come pasto principale della giornata (33% delle calorie) erano più soggetti ad aumento di peso.

Infine, le calorie assunte a colazione erano ininfluenti.

Secondo gli scienziati, la differenza è data dalla consapevolezza e dal metabolismo: dopo il pranzo, il soggetto è più attivo e pronto a smaltire calorie; al contrario, la cena vede il corpo rallentare per prepararsi alla notte, rendendo più probabile l’aumento di peso.

Sulla ricerca si è espressa la professoressa Mariangela Rondanelli, insegnante di Scienze e Tecniche dietetiche applicate, all’Università di Pavia.

Secondo Rondaelli, dividere le calorie privilegiando il pasto permette di sfruttare il metabolismo basale, “Che è più vivace il mattino e nelle prime ore del pomeriggio (grazie a una maggiore secrezione di ormoni che hanno ritmi circadiani, come il cortisolo). Generalmente si considera corretto introdurre circa il 20-25% delle calorie con la prima colazione (non meno del 15%) e uno spuntino mattutino; circa il 40% (non meno del 35%) a pranzo; il 5% con lo spuntino pomeridiano e il rimanente 30% (massimo 35%) a cena”.

Detto questo, è bene non esagerare; un pranzo che spinge all’attività deve essere basato su alimenti digeribili: “pasta al pomodoro, insalata di riso, carni e pesci al vapore o arrosto, senza intingoli, verdure condite semplicemente (meglio se con un filo d’olio extravergine d’oliva a crudo). È anche consigliabile che i pasti siano il più possibile equilibrati: se la scelta ricade su un piatto di pasta al pomodoro, si possono aggiungere, come fonti proteiche, una bella spolverata di grana e, eventualmente, uno yogurt”.

 

Matteo Clerici

 

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento