Per gli anziani, grasso è sano

Per gli anziani, grasso è sano

Se si è “stagionati” qualche chilo in più aiuta a vivere meglio. Passati i 70 anni, cioè, modiche quantità di grasso corporeo fanno vivere di più rispetto ai
“magrolini”.

Lo sostiene una ricerca dell’University of Western Australia, diretta dal professor LLeonFlicker e pubblicata sul “Journal of The American Geriatrics Society”.

Flicker e compagni hanno preso in esame 9.200 soggetti, uomini e donne d’età compresa tra i 70 ed i 75 anni. Tali volontari sono stati sottoposti a calcolo del BMI (Indice di Massa
Corporea) ed a controlli periodici dello stato di salute: il tutto per 10 anni.

I dati raccolti hanno così mostrato come coloro che avevano mostrato un BMI superiore a 25 (classificato come indice di possibile obesità), avevano corso un rischio minore di
morte del 13%, ovvero morivano meno che non i coetanei con un BMI rientrante nella norma. A riguardo, però, gli scienziati fanno notare come si parli di sovrappeso leggero e non di
obesità conclamata.

Inoltre, il tasso di mortalità è stato influenzato dallo stile di vita: si è registrato un aumento di decessi del 28% negli uomini con una vita sedentaria e un raddoppiato
rischio per le donne sedentarie.

Valutando allora quanto scoperto, il professor Flicker ritiene che i i valori nel calcolo del BMI dovrebbero essere riveduti per quanto riguarda le persone che hanno superato i 70 anni.

Conclude così lo studioso: “Il nostro studio suggerisce che le persone che sopravvivono ai 70 anni in condizioni di salute ragionevoli hanno un diverso insieme di rischi e benefici
connessi con la quantità di grasso corporeo che non le persone più giovani”.

LINK alla ricerca

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento