“Le diete miracolose non esistono. Volete dimagrire? Mangiate meno”

“Le diete miracolose non esistono. Volete dimagrire? Mangiate meno”

Lasciate perdere pillole magiche, strani attrezzi ginnici o regimi alimentari da Mille ed una notte.

Se volete perder peso, preparatevi a sacrifici e fatica perchè le diete miracolose non esistono.

Lo sostiene la British dietetic Association (Bda), in un comunicato pubblico. I dietologi della Bda si rivolgono in particolare a quei consumatori che, notato il grasso preso a Natale e
Capodanno, cercano una diete facile e veloce. In primis, queste sono inefficaci: “Purtroppo non c’e’ altro modo per dimagrire e mantenere il peso raggiunto: mangiare in modo sano, muoversi e in
generale cambiare le proprie abitudini” spiega la dottoressa Rachel Cooke, dietologa del St Martins’ Hospital di Bath e portavoce della Bda. Inoltre, tali sistemi possono risultare pericolose,
devastando il metabolismo e provocando danni anche a lungo termine.

Così il sito della Bda espone una sorta di lista dei ricercati alimentare, elencando le “Diete da evitare per il nuovo anno”, tra cui spiccano quelle del gruppo sanguigno, del minestrone
di cavolo, della banana, dello sciroppo di acero o del guerriero.

Ed il giudizio dei medici britannici e senza attenuanti: sono regimi basati su pseudo-scienza, il cui unico risultato effettivo è un grave deficit nutrizionale. Spiega la dottoressa
Cooke:”Tanto per cominciare, nessun cibo brucia i grassi, solo l’attivita’ fisica puo’ riuscirci”. Inoltre, non è necessaria nessuna particolare strategia disintossicante: “Il fegato
lavora ogni giorno per liberare l’organismo dalle tossine, non e’ necessario eliminare dei cibi o vivere solo di frutta, verdura e acqua. Anche così si perde peso”. In particolare, i
censori della Bda si scagliano contro due diete. La prima è la dieta Atkins, accusata di contraddire “Completamente tutti i messaggi sul mangiar sano che cerchiamo di dare ai nostri
pazienti”.

La seconda è la dieta a zona, anche questa al di fuori di quanto consigliato. Va detto come esistano due versioni della dieta Atkins. Quella più rigida privilegia grassi e
proteine, portando a un eccessivo consumo di grassi saturi, ed elimina pane, patate, pasta, riso e cereali, ammettendo solo piccole porzioni di frutta e verdura, mentre questi alimenti
dovrebbero costituire la gran parte dell’apporto calorico della giornata. I sostenitori di tale dieta hanno respinto l’accusa della Bda, affermando come la nuova Atkins sia sana e chieda solo
una riduzione sostenibile di carboidrati e zuccheri semplici, spingendo però al consumo di proteine magre, fibre, frutta e verdura.

A nche i promotori della dieta a zona si sono difesi, evidenziando come il loro metodo segua le indicazioni attuali per difendere da diabete ed obesità.

Ma la Bda non ha fatto marcia indietro: per dimagrire, no ai regimi miracolosi.

LINK al sito della Bda

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento