Paolo De Castro ha fatto un bel pesce d’aprile per i furbetti dell’Olio Extravergine taroccato

Paolo De Castro ha fatto un bel pesce d’aprile per i furbetti dell’Olio Extravergine taroccato

Grazie a Paolo De Castro, è un risultato a garanzia dell’olio extravergine di oliva, quello franto a freddo solo con le olive.

Dal 1° di Aprile sarà difficile trovare ancora sugli scaffali dei supermercati  olio extra vergine a 1,99 € al litro!

Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 27 gennaio scorso è stato pubblicato il regolamento (UE) N. 61/2011 relativo alle caratteristiche degli oli d’oliva e degli oli di sansa
d’oliva nonché ai metodi di analisi ad essi attinenti.
“Con il Regolamento UE 61/2011, abbiamo portato a casa un risultato importante sia per i consumatori sia per i nostri produttori di olio extravergine d’oliva”. Lo ha dichiarato il Presidente
della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo Paolo De Castro. Il tema riguarda le sempre più diffuse importazioni di oli deodorati commercializzati a basso prezzo come oli
extravergini di oliva, addizionati con una piccola aliquota di olio vergine, che causano forti effetti anticoncorrenziali con drammatiche ripercussioni sia per i produttori sia per i
consumatori.

De Castro: “Una tematica che avevamo sollevato in Parlamento Europeo con l’interrogazione del 13 dicembre scorso. Adesso, finalmente, proprio come richiesto, il regolamento UE 61/2011 ha
introdotto un nuovo metodo di analisi sugli alchilesteri nell’olio d’oliva al fine di contrastare tale fenomeno fraudolento. Un risultato importante che ci dà soddisfazione per il lavoro
portato avanti dalla Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo e che, al tempo stesso, ci lascia ben sperare per le future battaglie di politica agricola.
E’ l’ennesima testimonianza – conclude De Castro – che, se vogliamo lavorare concretamente per la crescita del nostro sistema agroalimentare per la valorizzazione delle sue specificità e
per la tutela dei consumatori, dobbiamo guardare all’Europa non con diffidenza e preoccupazione, ma come spazio di opportunità per i nostri cittadini e le nostre imprese”.

“Gli alchilesteri – scrive Teatro Naturale – sono sostanze normalmente contenute nell’olio. Se il loro contenuto è basso, ciò rappresenta un parametro di qualità del
prodotto. Laddove invece la materia prima non sia ottimale, il peggioramento della qualità dell’olio si accompagna ad un innalzamento della quantità di alchilesteri.
La fissazione di un limite massimo di alchilesteri, perciò, è utile per garantire una migliore qualità degli oli extravergini e, allo stesso tempo, consente di contrastare
l’impiego di oli deodorati, che sono ottenuti con materia scadente.”
L’applicazione del regolamento è prevista a partire dal 1° aprile 2011.
 
                                       
                                       
                                     
Newsfood.com
 

Il comunicato di Paolo De Castro:
Oggetto:     Nota stampa – Alimentare, De Castro: Olio più  sicuro con regolamento UE su alchilesteri
Data:     28 gennaio 2011 13:05:22 GMT+01:00
EUROPEAN PARLIAMENT
Paolo De Castro CHAIRMAN
COMMITTEE ON AGRICULTURE  AND RURAL DEVELOPEMENT

ALIMENTARE, DE CASTRO: OLIO PIÙ SICURO CON REGOLAMENTO UE SU ALCHILESTERI

Bruxelles, 28 gennaio 2011. «Con il Regolamento UE del 24 gennaio, abbiamo portato a casa un risultato importante sia per i consumatori sia per i nostri produttori di olio
extravergine d’oliva». Lo ha dichiarato il Presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo Paolo De Castro. Il tema riguarda le sempre più diffuse importazioni di oli
deodorati commercializzati a basso prezzo come oli extravergini di oliva, addizionati con una piccola aliquota di olio vergine, che causano forti effetti anticoncorrenziali con drammatiche
ripercussioni sia per i produttori sia per i consumatori. «Una tematica – continua De Castro – che avevamo sollevato in Parlamento Europeo con l’interrogazione del 13 dicembre scorso.
Adesso, finalmente, proprio come richiesto, il regolamento CE 61/2011 ha introdotto un nuovo metodo di analisi sugli alchilesteri nell’olio d’oliva al fine di contrastare tale fenomeno
fraudolento. Un risultato importante che ci dà soddisfazione per il lavoro portato avanti dalla Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo e che, al tempo stesso, ci lascia ben sperare
per le future battaglie di politica agricola. L’ennesima testimonianza – conclude De Castro – che se vogliamo lavorare concretamente per la crescita del nostro sistema agroalimentare, per la
valorizzazione delle sue specificità e per la tutela dei consumatori, dobbiamo guardare all’Europa non con diffidenza e preoccupazione, ma come spazio di opportunità per i nostri
cittadini e le nostre imprese».

 

Leggi Anche
Scrivi un commento