Olive: In aumento i furti nelle campagne pugliesi

Olive: In aumento i furti nelle campagne pugliesi

Olive come gioielli e coltivatori che ingaggiano i bodyguard contro il moltiplicarsi dei furti nelle campagne pugliesi, all’ordine del giorno secondo l’analisi dell’Osservatorio sulla criminalità nell’agroalimentare promosso da Coldiretti.

“I nostri soci stanno denunciando – lancia l’allarme Gianni Cantele, Presidente di Coldiretti Puglia – furti quotidiani di olive e danneggiamento degli alberi. È un fenomeno di gravità inusitata. Contro l’impennata dei furti nelle campagne pugliesi chiederemo ai Prefetti di intervenire con tempestività, intensificando i controlli e convocando ad horas l’Orsa per attivare una cabina interforze che contrasti i fenomeni criminosi in atto. I nostri imprenditori – aggiunge – segnalano raid di squadre organizzate che riescono a raccogliere in meno di 1 ora fino ad 1 quintale di olive e al furto di prodotto si associa quello delle attrezzature”.

“Il territorio a nord di Bari – spiega Domenico Perillo, Presidente della Organizzazione di Produttori PugliaOlive – è particolarmente colpito per le caratteristiche dei filari degli alberi e la struttura stessa degli ulivi. E’ evidentemente più difficile depredare un ulivo monumentale. A Grumo e Palo i coltivatori stanno finanziando un’associazione costituita da ex poliziotti per controllare le campagne che opera in collaborazione con le Guardie Campestri”.

Le bande di bulgari e rumeni in provincia di Foggia si contendono i primati dei furti nelle campagne con gli italiani, attivi sul territorio a nord di Bari tra Bitonto e Andria, a Fasano e a Taranto.

“Chiediamo al Governatore Emiliano di porre in cima alle sue priorità – sollecita il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti – un’azione ferma e dura di contrasto alla criminalità nelle campagne pugliesi. I nostri imprenditori agricoli sono ormai sconfortati, tanto da non denunciare più, in alcuni casi, i reati che subiscono quotidianamente. Il fronte dell’illegalità è sempre più ampio e riguarda la proprietà fondiaria, le infrastrutture di servizio all’attività agricola e, non da ultime, le produzioni agricole ed agroalimentari. I reati contro il patrimonio quali danneggiamento, incendi, furti, abigeato, usura, pascolo abusivo, estorsione rappresentano la “porta di ingresso principale” della malavita organizzata e spicciola nella vita dell’imprenditore e nella regolare conduzione aziendale”.

Per questo Coldiretti Puglia chiede un impegno immediato del Presidente Emiliano, della sua Giunta e delle forze dell’ordine, nell’ottica di garantire alle imprese agricole controlli ancora più serrati, trasparenti e scrupolosi contro furti, sofisticazioni e agropirateria, un neologismo coniato da Coldiretti per descrivere la punta di diamante del panorama criminale che si sviluppa attraverso le importazioni, la manipolazione e la trasformazione di prodotti agricoli di dubbia qualità e provenienza che giungono nel nostro Paese e che diventano “made in Puglia” e “made in Italy”.

www.puglia.coldiretti.it

Chiara Danielli
Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento