Monito di Altroconsumo: “Non acquistate il dentifricio AloeICEgel”

Monito di Altroconsumo: “Non acquistate il dentifricio AloeICEgel”

Non acquistate né sopratutto consumate AloeICEgel, dentifricio all’aloe della Zuccari: può contenere un’ingrediente pericoloso per la salute.

Questo il messaggio di Altroconsumo, che al dentifricio ha dedicato un’indagine approfondita.

Il lavoro degli esperti di Altroconsumo inizia nel 2009, quando alcuni abitanti dell’Estonia segnalano alle autorità UE come alcuni lotti di AloeICEgel contenessero phytometadione,
sostanza vietata poiché portatrice di allergie. A prova di questo, gli studiosi citano Rapex (il sistema europeo di allerta rapido su prodotti pericolosi) che dice come “Il prodotto
è pericoloso perché contiene phytomenadione e quindi non si attiene alla direttiva 76/768/EEC. Così, è stato ritirato dal commercio”.

Così, Altroconsumo ha messo in piedi una serie di controlli. Per iniziare, hanno cercato sul sito della Zuccari: nessuna traccia del ritiro dei lotti pericolosi. Poi, hanno passato al
setaccio sia il sito del Ministero della Salute che quello dello Sviluppo Economico: anche qui, nessuna traccia.

Il passo successivo è stato interpellare direttamente il Ministero della Salute. Come riportano gli investigatori dell’associazione, “Ci è stato solo comunicato che è stato
disposto il ritiro dal mercato e che è stato chiesto ai Nas di verificare”.

Infine, Altroconsumo si è rivolta alla Zuccari che ha soltanto risposto che è cambiata la formulazione, e che il problema potrebbe, quindi, riguardare anche altri vecchi prodotti
in circolazione.

Mettendo insieme i dati, il team di ricerca sostiene così come non sia possibile, in base alle informazioni attuali, distinguere i lotti con il phytometadione da quelli senza. Infatti,
fanno notare gli incaricati il lotto segnalato dall’Estonia è il numero 19204, “Ma anche altri lotti potrebbero contenere il phytomenadione, visto che era un ingrediente presente nella
formulazione stessa del dentifricio Zuccari AloeICEgel”.

In conclusione, la rivista Altroconsumo ritiene che la strategia migliore sia non acquistare il prodotto, almeno fino all’arrivo di nuove informazioni e/o alla rassicurazione che non esistono
più in commercio lotti di dentifricio con l’ingrediente pericoloso.

FONTE: Altroconsumo, “Attenzione al dentifricio Zuccari AloeICEgel”, 24/09/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento