Milano: Imprese di servizi alla persona

Una Milano che ama mangiare fuori, andare a ballare, ma anche godersi la vita all’aria aperta, prendersi cura di sé nelle palestre e nei centri di benessere, nel settore dei servizi alla
persona ad andar bene sono soprattutto le attività legate al tempo libero, con un vero e proprio boom delle discoteche e dei night club ( 12,4%) e delle scuole di danza ( 10,9%).

Bene anche i ristoranti ( 2,5%) e gli alberghi ( 3,3%) ma soprattutto le attività di campeggio ( 12,7%). Si preferiscono la vita all’aria aperta e i viaggi ( 4,9% in un anno per agenzie
di viaggio e operatori turistici) e infatti si noleggiano meno videogiochi e homevideo: le attività di questo settore sono calate in un anno del 4,4%. Positivo anche il trend annuale per
centri benessere ( 11,3%) ed estetici ( 6%). Emerge da una elaborazione della Camera di commercio di Milano sui dati del registro delle imprese al secondo trimestre 2006 e al secondo trimestre
2007 in provincia di Milano.

«Il settore dei servizi alla persona – ha commentato Carlo Sangalli, presidente della Camera di commercio di Milano – rappresenta una realtà importante nel tessuto produttivo
milanese che testimonia come le imprese diano un contributo importante alla vita associativa, allo svago, alla cultura del nostro territorio, un territorio che coniuga la tradizionale cultura
del fare con l’attenzione alla qualità della vita».

Le imprese dei servizi alla persona. Nella provincia di Milano sono attive al secondo trimestre 2007 oltre 37.500 imprese nel settore dei servizi alla persona, pari al 11% del totale delle
imprese milanesi (in totale oltre 341.000 le attive), sostanzialmente stabili rispetto allo stesso periodo del 2006.

Ristorazione e alloggi. Le attività di ristorazione e di alloggio sono cresciute dal 2006 al 2007 dello 0,7% (passando da 14.139 a 14.232 imprese). In particolare, se i ristoranti
registrano una crescita del 2,5% rispetto al 2006, vanno molto bene alberghi e motel ( 3,3% in un anno) e soprattutto campeggi e altre forme di alloggio che crescono del 12,7%.

Servizi per il tempo libero. Il settore, che comprende le attività collegate al turismo e allo spettacolo, lo sport e le attività ricreative in genere, mostra una crescita dello
0,2% dal 2006 al 2007, passando dalle 5.374 imprese del secondo trimestre 2006 alle 5.387 del secondo trimestre 2007. Il trend positivo risulta accentuato in alcune categorie del settore
spettacolo: in particolare aumentano discoteche e night club ( 12,4% in un anno) e scuole di danza ( 10,9%). Bene anche le attività turistiche: agenzie di viaggio e operatori turistici
passano dalle 1.048 unità dello scorso alle attuali 1.099, segnando un incremento del 4,9%. Registra un 0,7% rispetto allo scorso anno la produzione e distribuzione cine e video mentre
il settore delle attività radio televisive registra una battuta di arresto. Sostanzialmente stabile lo sport che segna un aumento, dal 2006 al 2007, pari allo 0,2%. In crescita le
palestre ( 1,2% in un anno).

Servizi domestici. Alcune categorie del comparto registrano una flessione rispetto al 2006: è il caso del settore del noleggio di supporti audio e video (-4,4% in un anno). Dati in
aumento invece per benessere e cura della persona: i centri benessere e idrotermali passano da 320 a 356 in un anno segnando una variazione positiva dell’11,3%. Anche il settore dei trattamenti
estetici conferma un trend positivo passando dalle 1.466 imprese del secondo trimestre 2006 a 1.554, per un incremento percentuale pari al 6% annuo.

Leggi Anche
Scrivi un commento