Medio Oriente, i grandi cuochi cucinano per una Cena di pace

Medio Oriente, i grandi cuochi cucinano per una Cena di pace

La grande cucina per la pace nel mondo.

Questa la strategia del “Club des Chefs des Chefs”, organizzazione della gastronomia d’elite, che raggruppa 26 dei cucinieri dei Grandi del Mondo. Tra loro, il cuoco della Casa Bianca di
Washington, quello dell’Eliseo di Francia ed il collega del Cremlino.

Ora, i membri del Club si sono riuniti a Tel Aviv, preparando e servendo una “Cena di pace”. I piatti hanno rispettato due regole base: la cucina del Paese dell’autore e le norme
dell’ebraismo ortodossi, in particolare il divieto dei piatti di carne.

I cuochi dei Grandi hanno lavorato fianco a fianco con colleghi israeliani e palestinesi, offrendo poi il ricavato della cena al Centro Peres per la Pace.

In seguito, il Club des Chefs des Chefs incontreranno politici ed addetti ai lavori (cuochi, ma non solo) locali.

Questa il corso d’azione del Club: i suoi cuochi ritengono che la gastronomia sia ponte tra i popoli ed amica della pace, anche (e sopratutto) in situazioni come quella del Medio Oriente.

Perciò, sedere assieme allo stesso tavolo (per mangiare e discutere) può abbattere molte barriere e favorire il dialogo.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento