Nutrimento & nutriMENTE

Marche: presentato in regione il progetto HANS

By Redazione

Ancona, 11 Ottobre 2007 – Si è tenuta oggi presso la sala Raffaello della Regione Marche la conferenza stampa di presentazione del progetto Health Adriatic Network Skill – Hans –
finalizzato alla realizzazione di una rete dei sistemi socio sanitari dei territori che si affacciano sul bacino adriatico.

L’obiettivo è quello di conoscere dati e standard di funzionamento dei vari sistemi sanitari nell’area, per poi intraprendere specifiche azioni di armonizzazione nell’erogazione dei
servizi. Il progetto ha un budget complessivo di 540mila euro ed è finanziato completamente nell’ambito del programma Interreg per la cooperazione in area adriatico – balcanica. Hanno
preso parte alla conferenza stampa Maurizio Belligoni, direttore generale dell’Agenzia Regionale Sanitaria – ARS, rappresentanti della Contea di Zara, Ivo Grbic, tecnici dell’Azienda Unica
Regionale delle Marche – ASUR e dell’ARS.

«Le Marche – ha detto Belligoni in apertura di conferenza – sono capofila di questo importante progetto per l’armonizzazione dei sistemi sanitari in area euroadriatica. Con questa
iniziativa sarà possibile disporre di una base conoscitiva utile per affrontare nel migliore dei modi l’integrazione con i territori adriatici, caratterizzati da forme e standard diversi
nell’erogazione dei servizi socio sanitari».

Il progetto, promosso da Marche, Abruzzo e dalle contee croate di Zara, Sebenico, e Spalato, prevede una rete socio sanitaria che coinvolga i territori di Friuli Venezia-Giulia, Veneto, Emilia
Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Croazia, Bosnia-Erzegovina, Albania, Serbia e Montenegro. E’ prevista una fase iniziale di rilevazione dei dati attraverso uno studio dei bisogni di
salute nei Paesi adriatici. Sulla base dei dati rilevati e dalla loro analisi, sarà possibile intervenire sulle principali aree critiche individuate. Le regioni che partecipano al
progetto, in base alle aree critiche accertate, elaboreranno specifici progetti per l’innalzamento qualitativo degli standard di erogazione. I cittadini presenti nell’area adriatica, attraverso
un miglioramento dei rispettivi servizi di programmazione e gestione socio-sanitaria, potranno usufruire di servizi sanitari più efficienti ed efficaci. Gli enti di tutela della salute
potranno, invece, pianificare le future risposte basandosi su un sistema conoscitivo ben strutturato. Il coordinamento e la gestione sono garantiti dall’Agenzia Regionale Sanitaria delle Marche
ed è previsto un comitato tecnico scientifico per l’individuazione dei dati rilevanti oggetto di analisi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: