L’Ultima Cena: una riproduzione fedele del Cenacolo all’interno dell’area espositiva

L’Ultima Cena: una riproduzione fedele del Cenacolo all’interno dell’area espositiva

Oggetto: Leonardo da Vinci – Testimonial italiano piu’ “gettonato”nel mondo. – Milano citta’ di Leonardo – Expo 2015: Il Cenacolo con l’affresco “Ultima Cena” riprodotto nel sito.
Data: 21 gennaio 2014 12:25:05 CET
Proposta choc per consentire ai turisti di Expo 2015 di ammirare
L’Ultima Cena: una riproduzione fedele del Cenacolo all’interno dell’ area espositiva.
 
Nel mondo l’Italia desta un relativamente basso interesse, come dimostra la ricerca 2014 effettuata da IEA Istituto Europa Asia- Europe Asia Institute (già diffusa dai mezzi di
comunicazione) che vede l’Italia collocata in maniera poco brillante al 34° posto sui 55 Paesi primi in classifica.
 
Comunque, l’immagine  più nota nel mondo del nostro Paese è Leonardo da Vinci, figlio di Ser Pietro, seguita a  
distanza da Julius Caesar: il  genio batte il condottiero.
 
“E’ su questa straordinaria figura – afferma il presidente di IEA Istituto Europa Asia -Europe Asia Institute Achille Colombo Clerici – che dovrà essere imperniato il rilancio
dell’immagine dell’Italia, soprattutto nella prossima “vetrina” mondiale di Expo.  

Con positive ricadute sia per quanto riguarda i nostri prodotti nel mondo, sia per quanto riguarda l’appeal turistico.
 
Leonardo pittore, ingegnere, scienziato, architetto, scultore, disegnatore, trattatista, scenografo, anatomista, musicista, è l’Uomo Universale perché in lui si integrano mistero e
fascino dell’inventore e del progettista, la fantasia dell’artista, elevati a vette sublimi, uniche nella storia dell’umanità.
 
Se la Francia è al quarto posto nella predetta classifica, lo deve anche al fatto di avere abilmente utilizzato in modo indiretto il nome del genio.

“Mona Lisa” –  alias “La  Gioconda”  per italiani e francesi – è il quadro largamente più noto al mondo, diventato simbolo  dell’arte universale: ed e’ uno degli
assi portanti della attrattivita’ della Francia a livello mondiale.
 
Nella promozione dell’Italia attraverso Leonardo, Milano è la città che può fare di più, perché è la città di Leonardo, dove il Genio
dell’umanita’ ha vissuto e operato per ben 18 anni; molto più del luogo di nascita, di Firenze, della stessa Francia dove è morto.
 
L’ennesimo riconoscimento viene dalla copia del  Cavallo in bronzo, la più grande statua equestre del mondo, donata dallo statunitense Charles Dent proprio a Milano.
 
E  Cenacolo, Navigli, Biblioteca Ambrosiana, Orti Leonardeschi, Castello Sforzesco, Museo della Scienza, sono i luoghi e i simboli leonardeschi per eccellenza, un concentrato che nessuna
città al mondo può proporre.
 
Quindi proprio a Milano dovrebbe sorgere un centro per mettere in rete e promuovere tutte le iniziative che riguardano il tema Leonardo; una delle più interessanti è la mostra in
corso a San Marino.
 
A questo auspicabile centro di coordinamento dovrebbero anche essere affidate le soluzioni di alcune questioni “leonardesche”.

Ne citiamo una: come consentire ai milioni di turisti di Expo 2015 di visitare il Cenacolo e di ammirare l’Ultima Cena?  
L’Istituto Europa Asia un’idea ce l’ha: una riproduzione fedele all’originale, anche nelle dimensioni, del refettorio con l’affresco realizzata all’interno dell’ area espositiva. 

Puo’ sembrare a prima vista un’ idea orrida, tuttavia e’ il modo piu’ efficace di intercettare le logiche con le quali si muove il turismo di massa dei nostri giorni.”
 
Esemplificativamente,  riportiamo alcuni indici di attrattivita’, relativi alle voci che sono coinvolte nella nostra riflessione:

– France.                       11
– Leonardo da Vinci .      9
– Julius Caesar.             5,6
– Spain.                        5,5
– Switzerland               5,5
– Napoleon.                  4,7
– Italy.                          4,6
– Mona Lisa.                 4,5

Redazione Newsfood.com+WebTv

Qui alleghiamo anche il link alla proposta che fu fatta nel 2009, basata propriosu Leonardo da Vinci:

“Genius: Idea di base per campagna marketing Expo2015”
 

Leggi Anche
Commento ( 1 )
  1. Andrea Lazzari
    3 Settembre 2014 at 4:00 pm

    Salve, desidero essere tenuto in considerazione qualora l’ipotesi di voler creare attrattiva si trasformasse in promozione di arte contemporanea.

    Tramite il canale Instagram (Tag:#LABOTTEGADEIJEDI) ho reso possibile l’idea da Voi vagliata di comunicare significato e maestosita’ di una delle più impressionanti opere di Leonardo da Vinci.

    L’opera d’arte reinterpretata mantiene dimensioni originali e comunica contemporaneita’ e valori simbolici.

Scrivi un commento