“Le bollicine di Marengo… aspettando la battaglia”

“Le bollicine di Marengo… aspettando la battaglia”

Da Aspettando Golosaria, dove ha fatto il suo debutto il Marengo in versione frizzante ad aspettando la battaglia (la rievocazione del celebre evento napoleonico), con il secondo vino, un brut
metodo charmat che ha visto la partecipazione di numerosi operatori.

L’incontro si è svolto al Marengo Museum di Spinetta (AL), con i promotori del progetto: Rita Rossa, Vicepresidente della Provincia di Alessandria, Lino Rava, Assessore all’Agricoltura
della Provincia di Alessandria, Pier Angelo Taverna, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e Piero Martinotti, Presidente della Camera di Commercio di Alessandria, oltre
all’enologo Dora Marchi di Enosis, che ha curato la creazione di questi vini (è in attesa il terzo vino, che sarà un brut metodo classico) e a Gabriella Bonifacino, direttore di
Marchesato Vigneti e Cantine.

L’incontro di Marengo è stata anche l’occasione per presentare il progetto a più ampio respiro che ha dato vita a “Marchesato Vigneti e
Cantine”
e l’abbinamento coi prodotti del Paniere della Provincia di Alessandria, spiegato dallo chef Andrea Ribaldone.

La degustazione dei due vini, ha poi visto anche il Marengo in versione cocktails, scaturiti dall’appuntamento di Golosaria in città, dove il primo vino è stato testato
positivamente da 23 locali della movida alessandrina, che hanno iniziato a utilizzarlo per i loro cocktails e, nell’occasione, sono stati realizzati l’Americano Storto alla Marengo de Ai Due
Storti, il Marengo Spritz della Bouvette e il Marengo Orange di Hollywood Cafè.

“Il progetto Marengo – ha dichiarato l’Assessore all’Agricoltura della Provincia di Alessandria Lino Rava – mira ad ampliare il mercato dei consumatori e ad offrire nuovi momenti di consumo che
volentieri apprezzano il vino dealcolato”.

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento