L’Avanzino, come aiutare a ridurre gli sprechi alimentari promuovendo l’uso della doggy bag

L’Avanzino, come aiutare a ridurre gli sprechi alimentari promuovendo l’uso della doggy bag

Dopo la pubblicazione dell’articolo riguardante la richiesta di Michelle Obama della doggy bag al ristorante, ci è giunta segnalazione di un associazione piemontese chiamata
L’Avanzino” che si adopera per diffondere anche in italia varie strategie per la riduzione dello spreco alimentare non solo al ristorante, ma anche alle mense aziendali e
scolastiche.
Indubbiamente il gesto della First Lady ha suscitato un certo scalpore e ci ha fatto capire quanto sia stupido, oltre che immorale, sprecare cibo, quando ci sono milioni di persone che soffrono
la fame.

Abbiamo quindi colto la palla al balzo intervistando uno dei cofondatori dell’iniziativa, l’ingegner Federico Buono.

1) Da quanto tempo la vostra organizzazione si occupa del problema?
Operiamo da circa 6-7 mesi con un primo cliente nell’astigiano, in Piemonte, come riportato nel nostro sito web. Siamo in procinto di espanderci anche nel settore delle mense scolastiche,
fornendo servizi su misura a seconda dele necessità (indubbiamente diverse rispetto a quelle di un ristoratore).
Il kit base prevede la possibilità di portare a casa ciò che si è avanzato sia cibo che vino, in pratici contenitori d’alluminio riutilizzabili e buste di carta
riciclata. Il servizio, gratuito per il cliente finale, ha un costo molto basso per il ristoratore o la società aderente che ci guadagna in trasparenza, pubblicità e rispetto per
l’ambiente.
   
2) E’ possibile fare una stima dello spreco di derrate alimentari? in Italia?
Da ricerche effettuate, risulta che lo spreco medio pro capite di un italiano per derrate alimentari si aggira sui 600 euro annui. Una parte di questi è composta da quanto si spreca al
ristorante, o nelle mense. 
Noi ci proponiamo di “aggredire” la catena degli sprechi nella sua parte terminale, presso l’utilizzatore finale, proponendo un costume che speriamo diventi un’abitudine consolidata
entro breve.
………

3) Quale è il messaggio che vuole inviare ai ristoratori ed ai loro clienti?
Per i ristoratori principalmente questo: vincere la ritrosia nell’accettare questa iniziativa per paura che il cliente sia in qualche modo offeso. Finalmente anche in Italia, seppur a rilento,
si sta diffondendo una cultura “anti spreco“. Aderite!
Per i clienti: chiedete in massa l’Avanzino al ristorante! solo così i ristoratori ne capiranno l’importanza e l’utilità!

Redazione di NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento