Latte: migliorative le nuove proposte Ue

Latte: migliorative le nuove proposte Ue

La Cia giudica il pacchetto illustrato all’Assemblea di Strasburgo importante, ma servono ancora misure efficaci a sostegno degli allevatori. Il settore in Italia non vede la fine del tunnel.
Produttori alle prese con prezzi in crollo e costi alle stelle. Positiva l’approvazione dell’emendamento della Commissione agricoltura proposto dal presidente De Castro sullo stoccaggio dei
formaggi.

Le nuove proposte Ue per affrontare la grave crisi che investe il settore lattiero-caseario sono certamente migliorative, anche se c’è bisogno di un’azione più energica a sostegno
dei produttori. Desta, comunque, preoccupazione la mancanza dell’aiuto all’ammasso privato dei formaggi. E’ per questo motivo che si esprime apprezzamento per la conferma dell’emendamento della
Commissione agricoltura proposto dal presidente Paolo De Castro. E’ quanto sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori in merito al pacchetto di misure illustrato dal commissario
europeo Mariann Fischer Boel all’Assemblea plenaria del Parlamento di Strasburgo.

E’ importante – avverte la Cia – che l’Esecutivo di Bruxelles abbia proposto di accordare aiuti di Stato fino a 15 mila euro per allevatori. Significativa anche l’estensione al settore della
clausola di emergenza che permetterebbe di intervenire in caso di crisi del mercato. Per quanto riguarda, invece, l’acquisto di quote latte e, quindi, una politica di abbandono produttivo, essa –
afferma la Cia – deve essere mirata e selettiva per aree e
tipologie di aziende per consentire una ristrutturazione adeguata del settore. Sull’affermazione del commissario Fischer Boel secondo cui si intravede, per il settore, l’uscita dal tunnel, la Cia
rileva che in Italia la situazione resta ancora molto grave, con gli allevatori alle prese con un prezzo del latte alla stalla non più remunerativo e con costi produttivi e contributivi
insostenibili.

Nel ribadire l’esigenza che l’ammasso privato non comprenda solo il latte e il burro, che interessa i paesi del Nord Europa, ma anche i formaggi e che, quindi, l’iniziativa del presidente De
Castro vada in porto, la Cia sollecita il ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali Luca Zaia ad un impegno fermo affinché in sede di Consiglio europeo si introducano
ulteriori miglioramenti per i produttori e che le misure concordate si traducano al più presto in atti concreti nel nostro Paese.

Leggi Anche
Scrivi un commento