L'assessore Taricco risponde al Ministro per le Politiche Agricole e Forestali Zaia: «No a scorciatoie sulle quote latte»

«Desta sconcerto il commento del Ministro Luca Zaia relativamente agli emendamenti presentati dalla Lega Nord alla manovra finanziaria in merito alle quote latte, nel quale li
valuta e li definisce «ragionevoli e rispettosi di una visione di fattibilità».

I due emendamenti – replica l’assessore all’Agricoltura, tutela della fauna e della flora Mino Taricco – mirano l’uno a permettere una regolarizzazione delle aziende che non hanno rispettato in
questi anni le norme per le quote latte attraverso una rateizzazione quarantennale con la possibilità di ulteriori deroghe, l’altro prevede che le stesse aziende sarebbero le
destinatarie dell’incremento di quota recentemente deciso dall’UE.

Una tale scelta, oltre che totalmente destabilizzante per il comparto, penalizzerebbe fortemente tutte le aziende che in questi anni hanno cercato con fatica il rispetto delle regole.

Leggere che il Ministro le giudica sostenibili mi ha lasciato esterrefatto.

L’unica nota positiva è che la Presidenza della Commissione li ha ritenuti inammissibili e quindi non sono stati accolti e votati.

Ho già avuto modo di dire in più occasioni che una soluzione che permetta a chi vuole regolarizzare la propria posizione è realizzabile solamente dentro
una proposta complessiva che sia equilibrata e rispettosa di chi le regole, anche con fatica, negli anni le ha rispettate.

Penso varrebbe la pena aprire seriamente un tavolo su questi temi, e bene farebbe il Ministro a non avallare tentativi di scorciatoie e semplificazioni che creano solo divisioni e ulteriori
frantumazioni nel settore».

Leggi Anche
Scrivi un commento