L’Amore? E’ una formula matematica

Dimenticate Cupido, San Valentino, i cioccolatini e tutto il resto: l’amore si può trovare tramite un’equazione.

A dirlo, la professoressa Clio Cresswell dell’Università di Sidney che all’argomento ha dedicato un libro, “Matematica e sesso”. La Cresswell spiega come i single dovrebbero avere almeno
12 approcci romantici, che non necessariamente devono condurre ad una relazione di tipo fisico, per aumentare considerevolmente le proprie chance di trovare il partner giusto. Secondo la
studiosa, tale modello avrebbe il 75% di possibilità di fornire a chiunque l’anima gemella.

Spiega la professoressa: “Continuiamo a ripetere di aver trovato la persona giusta ma poi i risultati sono terribili, con il tasso di divorzi piuttosto alto in diversi paesi. Ma anche ai giorni
nostri, in un momento in cui si incontrano tante persone ogni giorno, il 12 rimane un numero valido. Il partner perfetto non appare all’improvviso. Bisogna lavorarci”.

Come si può intuire Clio Cresswell è una fedele seguace dell’approccio scientifico alle realtà; il suo “Mathematica e sesso” ha l’ambizioso obiettivo di portare il
ragionamento razionale in un campo dominato dalle emozioni.

Numeri e divisioni a parte, il testo indica un’altra arma ai cercatori (o alle cercatrici) della loro metà: la costanza. Per usare le parole di Clio: “Dedicheremmo sicuramente più
tempo alla ricerca di un’auto che non alla ricerca dell’amore. Probabilmente, penseremmo di aver trovato l’anima gemella al secondo tentativo. Questo metodo non riguarda solo la conoscenza ma
anche la consapevolezza di sé. Ci consente di fermarci a pensare a quello che realmente vogliamo”.

Clio Cresswell, “Matematica e Sesso”, TEA, 2008, pp.183, Euro 8

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento