L’alga spirulina limita i danni dei radicali liberi

L’alga spirulina limita i danni dei radicali liberi

Un estratto ricavato dall’alga spirulina (Spirulina platensis) protegge le cellule dai radicali liberi, agendo da scudo contro l’apoptosi (morte
cellulare).

E’ quanto risulta da una ricerca dell’International Medical University (di Kuala Lumpur, Malesia) diretta dal dottor Wan-Loy Chu e pubblicata su “BMC Medicine”.

La spirulina è nota per il suo contenuto di antiossidanti, sopratutto la ficocianina, che sembra avere buoni effetti sul controllo dell’ossidazione delle cellule. Sulla base di tali
conoscenze, i ricercatori hanno messo alla prova l’alga sia sul piano piano chimico che su base cellulare.

Inizialmente, , alcune cellule di fibroblasti di topo (3T3) sono state incubate rispettivamente, per un’ora, in una soluzione contenente la spirulina o la vitamina C e vitamina E (come
controllo) nella misura di 25, 125 e 250 ug/ml. Tutto ciò, prima di aggiungere 50 uM 1, 1-difenil-2-picrylhydrazyl (DPPH) o 3-ethylbenzothiazoline-6-acido solfonico (ABTS).

Successivamente, le cellule sono state incubate e lasciate per 24 ore in attesa delle analisi e il controllo con il Cell Death Detection ELISA Kit per valutare la morte cellulare per apoptosi.

Altre valutazioni spettrofotometriche sulla base di DPPH e ABTS sono state utilizzate per misurare l’attività antiossidante dell’estratto rispetto alla vitamina C e la vitamina E
(controlli positivi).

Le analisi hanno fatto emergere come la spirulina non ha causato effetti citotossici sulle cellule 3T3 all’interno della gamma di concentrazioni testate (0 – 250 ug / mL). L’estratto ha poi
ridotto in modo significativo (p <0,05), la morte per apoptosi causata dal DPPH e l’ABTS da 4 a 5 volte, anche se l’attività è stata minore della vitamina C. In base a test
DPPH, l’attività di sgombro dei radicali dell’estratto si è mostrata superiore ed è stata, con la Ficocianina, almeno quanto il 50% di vitamina C e vitamina E. Sulla base
di test ABTS, invece, l’attività antiossidante degli estratti a 50 ug / mL era buona come quella della vitamina C e la vitamina E.

Il dottor Chu e colleghi ritengono così che l’alga spirulina possa agire come integratore per difendere le cellule dall’apoptosi causata dai radicali liberi.

FONTE: Wan-Loy Chu, Yen-Wei Lim, Ammu Kutty Radhakrishnan, Phaik-Eem Lim, “Protective effect of aqueous extract from Spirulina platensis against cell death induced by free radicals”,BMC
Complementary and Alternative Medicine 2010, 10:53 (21 September 2010), doi:10.1186/1472-6882-10-53

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento