Con la cannella, meno rischio di diabete e malattie cardiache

Con la cannella, meno rischio di diabete e malattie cardiache

La cannella non è solo una spezia profumata, ma anche un’amica del benessere: mischiata ad acqua, aiuta l’organismo a ridurre il rischio di diabete e malattie cardiache.

E’ quanto sostiene una ricerca del Centre for Applied Health Sciences di Fairlawn, (nell’Ohio, USA), diretta dal dottor Richard Anderson e pubblicata sul “Journal of American College of
Nutrition”.

Gli studiosi hanno sperimentato le loro idee con alcune persone obese in fase di pre-diabete. Tali volontari sono stati divisi in due gruppi: il primo gruppo ha ricevuto una soluzione di 250 mg
di cannella sciolta in acqua, il secondo (gruppo di controllo) un placebo, entrambi da assumere ogni giorno. Inoltre, tutti i soggetti sono stati sottoposti a prelievo di sangue.

Tale analisi ha messo in luce come nei membri del primo gruppo si fosse verificato un aumento del 13% al 23% dei livelli di antiossidanti ed una riduzione della quantità di zucchero nel
sangue.

Il dottor Anderson sottolinea così come tali risultati, sopratutto il bonus di antiossidanti, siano merito delle particolarità della cannella, tuttavia egli ricorda come ad oggi
non sia possibile trarre conclusioni definitive sull’efficacia della soluzione di acqua e cannella nella prevenzione delle malattie cardiache e del diabete.

La ricerca è stata finanziata dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti.

Fonte: Anne-Marie Roussel, Isabelle Hininger, Rachida Benaraba, Tim N. Ziegenfuss, and Richard A. Anderson, “Antioxidant Effects of a Cinnamon Extract in People with Impaired Fasting
Glucose That Are Overweight or Obese”, J. Am. Coll. Nutr. 2009 28: 16-21

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento