La dieta DASH previene i calcoli renali

La dieta DASH previene i calcoli renali

La dieta DASH, ed alcuni suo ingredienti in particolare, sarebbero in grado di prevenire la manifestazione della calcolosi renale.

Questa l’opinione espressa da una ricerca del Brigham and Women’s Hospital di Boston, diretta dal dottor Eric Taylor e pubblicata sul “Journal of the American Society of Nephrology”.

La dieta DASH, che vanta sponsor prestigiosi come il National Heart, Lung, and Blood Institute USA, nasce per aiutare i malati di ipertensione a controllare la pressione sanguigna. Il sistema
offre abbondanti dosi di frutta, verdura, cereali integrali e latticini magri e poverissimo di carne rossa, dolci e grassi.

Per valutare tale dieta, la squadra del dottor Taylor ha lavorato con 3426 volontari, sia sani che malati, selezionati dagli elenchi dall’Health Professionals Follow-up Study (HPFS) e dai
Nurses’ Health Study I e II. Gli scienziati hanno analizzato i campioni di urine di tali soggetti: è così emerso come, anche a parità di liquidi ingeriti, i seguaci della
dieta DASH producevano una maggiore quantità di urina. Inoltre, i test di laboratorio hanno evidenziato come l’urina di chi praticava il regime alimentare in questione conteneva livelli
superiori di citrati, inibitori dei calcoli renali. Ed i vantaggi di DASH potrebbero non essere terminati: come spiega il dottor Taylor, “Nei latticini o nelle verdure potrebbe esserci qualche
altra sostanza che non abbiamo ancora identificato in grado di inibire la calcolosi”.

Fonte: Taylor EN, Fung TT, Curhan GC. DASH-Style Diet Associates with Reduced Risk for Kidney Stones. Journal of the American Society of Nephrology 2010; doi: 10.1681/ASN.2009030276.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento