La depressione fa vedere nero, modificando la vista

La depressione fa vedere nero, modificando la vista

La depressione fa vedere nero, metaforicamente e letteralmente. La malattia fa infatti diminuire la capacità di captare il contrasto dei colori, provocando una visione dell’esterno
più scura della realtà.

Lo sostiene una ricerca dell’Università di Friburgo (Germania) diretta dal dottor Emanuel Bubl e pubblicato da “Biological Psychiatry”.

L’equipe diretta da Bubl ha coinvolto 80 volontari, 40 colpiti da depressione e 40 sani. A tutti loro sono stati piazzati elettrodi negli occhi, dopodiché  essi hanno osservato
immagini di scacchi bianchi e neri che diventavano gradualmente grigi e sempre meno in contrasto l’uno con l’altro. Durante tale operazione, gli studiosi hanno notato come, man mano che il
contrasto tra i colori dei quadrati calava, diminuivano anche i segnali elettrici del nervo ottico dei depressi.

Fonte: Emanuel Bubl, Elena Kern, Dieter Ebert, Michael Bach, Ludger Tebartz van Elst, “Seeing Gray When Feeling Blue? Depression Can Be Measured in the Eye of the Diseased”, Biological
Psychiatry, Volume 68, Issue 2, 15 July 2010, Pages 205-208, doi:10.1016/j.biopsych.2010.02.009

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento