ITALIA A TAVOLA 2009, VI° RAPPORTO SULLA SICUREZZA ALIMENTARE (parte 1/10)

ITALIA A TAVOLA 2009, VI° RAPPORTO SULLA SICUREZZA ALIMENTARE (parte 1/10)

L’indagine più completa su tutta la filiera alimentare: tutti i numeri e i casi delle operazioni dei Carabinieri per la Tutela della Salute, Ispettorato per il controllo della
qualità dei prodotti agroalimentari, Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, Corpo Forestale e Guardia Costiera.
E da quest’anno il rapporto si arricchisce del contributo dell’Agenzia delle Dogane e dei Carabinieri per le politiche agricole.
Tonnellate di insaccati invase da parassiti, formaggio avariato riciclato e spacciato per buono, prodotti ittici congelati scaduti o in cattivo stato di conservazione. Queste e altre le frodi che
nel 2008 hanno portato a un boom di sequestri: aumentano del 142% i chilogrammi di prodotto sequestrati dai Nas e del 642% il valore dell’attività di controllo dell’ICQ.
Tempi duri per i criminali dell’agroalimentare oggetto di un vero e proprio un boom di sequestri nel 2008 ad opera delle Forze dell’ordine. Le cifre sono da capogiro: oltre 34 milioni di
chilogrammi di prodotti sequestrati dai Carabinieri per la Tutela della Salute (Nas) per un valore di circa 160 milioni di euro.

Notevole l’incremento dei chilogrammi sequestrati e del loro valore rispetto al 2007: rispettivamente il 142% e il 32%. Maggiori le cifre dei risultati delle ispezioni svolte dall’Ispettorato per
il controllo della qualità dei prodotti (ICQ): 181 milioni di euro di cui 172 milioni solo nel settore vitivinicolo. “Osservando questi risultati – ha commentato Antonio Longo, presidente
del Movimento Difesa del Cittadino – sembra che il buon cibo italiano non trovi pace in tema di sicurezza alimentare.
La salute dei consumatori è sempre di più compromessa da sofisticazioni e contraffazioni. Il gran numero dei sequestri testimonia però l’impegno delle Forze dell’Ordine a
difendere i cittadini grazie ad operazioni sempre più mirate e anche all’aiuto delle nuove tecnologie”. Intensa infatti l’attività di controllo: oltre 28mila ispezioni da parte dei
Nas, 37mila da parte dell’ICQ ben 157mila nel settore ittico a cura delle Capitanerie di Porto. Sono stati, invece, circa 53mila gli interventi dell’Agenzia delle Dogane. Non manca poi
l’attività del Corpo Forestale (766 operazioni) e dei Carabinieri per le Politiche Agricole (969).
“Se la strada per uscire dalla crisi economica passa, a detta degli esperti, per la valorizzazione e promozione delle risorse tipiche del Belpaese, e quindi in primis dell’agroalimentare di
qualità con le sue tradizioni e la sua notorietà all’estero – ha dichiarato Francesco Ferrante, della Segreteria nazionale di Legambiente – la lotta alle contraffazioni e ai
criminali che lucrano sulla fiducia e la salute dei cittadini diventa attività fondamentale e irrinunciabile.
E se i dati di oggi dimostrano l’efficacia dei controlli, emerge con più forza la necessità di investire in prevenzione, attraverso un più serio e puntuale lavoro degli enti
preposti, a partire dall’Agenzia per la sicurezza alimentare europea, che fino ad oggi ha invece brillato per assenza se non per sudditanza agli interessi economici di pochi grandi gruppi
dell’agroalimentare”. 2 Il 2008 lo ricorderemo per molti scandali alimentari: dal vino all’acido cloridrico scoperto a Veronella (VR), all’emergenza latte alla melamina alla carne suina alla
diossina.

E ancora: 54 tonnellate di prodotti ittici congelati scaduti o in cattivo stato di conservazione ritrovati a Bari, “pesce topo” (proveniente dall’Atlantico del Nord) spacciato per “cuoricini di
merluzzo”, 2 container sequestrati a Ravenna perché contenenti 40 tonnellate di farina di riso contaminate da melamina.
E come se non bastasse ci sono le frodi al Made in Italy e ai prodotti tipici del nostro territorio, a partire dalle 30 ordinanze di custodia cautelare emesse ad aprile per possibile truffa
finalizzata alla produzione e vendita di olio extravergine di oliva sofisticato.
Si trattava di olio di semi di soia mischiato con quello di girasole, a cui veniva aggiunto betacarotene e clorofilla industriale.
Ma c’è anche chi da il buon esempio.
Anche quest’anno MDC e Legambiente vogliono riconoscere, con il Premio Italia a Tavola, alcuni casi di eccellenza nel panorama agroalimentare. Come
nell’edizione 2008 il biologico (con la collaborazione Aiab) è ancora protagonista con due mense scolastiche che coniugano i principi del cibo genuino, del rispetto dell’ambiente e
dell’informazione al consumatore.
C’è poi l’iniziativa di una rete di famiglie che, grazie all’attività di promozione del Comune, si è attivata su singole problematiche, individuando possibili proposte e/o
soluzioni ai problemi della comunità.
Il premio andrà anche alla campagna per una corretta alimentazione dell’infanzia di Coop, che prevede interventi concreti per combattere l’obesità infantile.
Interessante il progetto, segnalato dall’Associazione italiana Celiachia, che vede numerosi punti ristoro (ristoranti, pizzerie, gelaterie, hotel) impegnati a garantire pasti senza glutine in
totale sicurezza.
Il mondo della ristorazione è invece rappresentato da due esperienze segnalateci dalla Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi): un circuito di ristoranti particolarmente attento
all’educazione alimentare e un esercizio, con il marchio “Bollino Blu” che ha messo in atto una strutturata gestione delle lamentele con i clienti e azioni particolarmente attente alle
problematiche ambientali.
Da Slow Food arriva infine il progetto “Orto in condotta” che vede coinvolti insegnanti, nonni genitori, aziende del territorio e il comune stesso di San
Mauro Torinese.

(continua a leggere, vedi parte 2/10)

Redazione Newsfood.com  Estratto da : Italia a tavola 2009 VI° rapporto sulla sicurezza alimentare  a cura di MDC e Legambiente (scarica
pdf integrale)

Leggi Anche
Scrivi un commento