Cia: Maggiori diritti e potere alle donne agricoltrici

Cia: Maggiori diritti e potere alle donne agricoltrici

Roma – La presenza delle donne nel settore agricolo è “molto rilevante”, spesso maggiore di quella degli uomini (dati Banca Mondiale 2007), eppure “il loro potere decisionale e la
loro capacità di essere adeguatamente rappresentate è ancora molto scarso”.

La denuncia è stata fatta da Giuseppe Politi, presidente della Confederazione italiana agricoltori e del Comitato Mediterraneo della Federazione internazionale dei produttori agricoli, nel
corso di un intervento al seminario ‘Promuovere la partecipazione delle donne del Mediterraneo all’interno delle Organizzazioni agricolé, organizzato nell’ambito del ‘summit agricolo’
organizzato dalla Fipa e della stessa Cia, in programma alla Camera di Commercio di Catania fino a sabato.   

“Le donne – ha ricordato Politi – rappresentano la maggiore parte dei lavoratori agricoli in Asia, Africa sub-Sahariana, Medio oriente, Africa Settentrionale, oltre che in alcuni paesi
dell’America Latina. Tuttavia, nonostante il contributo che forniscono alla produzione agricola e al funzionamento e lo sviluppo delle realtà rurali, il loro potere decisionale è
ancora molto scarso e, di conseguenza, anche i loro diritti sono inferiori a quelli degli uomini e molte opportunità economiche e lavorative sono pregiudicate in ragione di ciò”.
  

Un altro grave ostacolo per le donne in agricoltura, secondo il presidente della Cia, è la proprietà della terra. “In molti paesi dell’America Latina e dell’Africa – ha aggiunto – i
possessori di terre sono al 70-90 per cento uomini. Oltretutto, quando le donne ottengono accesso alle terre, si tratta spesso di appezzamenti di scarsa qualità: troppo piccoli, difficili
da raggiungere e scarsamente irrigati. Il seminario, al quale hanno partecipato molte esponenti del mondo agricolo femminile, si concluderà domani. Il summit proseguirà con
dibattiti su sviluppo, cooperazione, sicurezza alimentare, povertà, clima, mercati e credito.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento