Integrazione dell'I.V.C. commercio per i dipendenti delle aziende aderenti a Confcommercio

Come noto, il 21 marzo 2008 ha avuto luogo lo sciopero nazionale dei lavoratori del terziario distribuzione e servizi indetto per il rinnovo del CCNL.
A detta della Filcams Cgil, la riuscita dello sciopero a sostegno del rinnovo del CCNL del settore del Terziario avrebbe indotto la Confcommercio a cercare di boicottare il citato sciopero
erogando unilateralmente 55 euro, ma il sindacato non ha accettato l’ipotesi di Confcommercio.
Con il comunicato del 20 marzo 2008, infatti, l’associazione del commercianti, a seguito dell’interruzione delle trattative per il rinnovo del CCNL terziario, aveva invitato le imprese che
applicano il CCNL a corrispondere unilateralmente, a partire dalla retribuzione del mese di aprile, una somma integrativa dell’attuale indennità di vacanza contrattuale, (I.V.C.)
riparametrata ai diversi livelli di inquadramento. con le stesse modalità di erogazione della citata I.V.C..
Tale erogazione, fissata in 55 euro lordi per il 4° livello, deve essere evidenziata autonomamente come “Integrazione I.V.C.”. e come anticipazione sul rinnovo del CCNL e pertanto
dovrà essere assorbita dai futuri aumenti contrattuali.

Livelli

Parametri

Integrazione I.V.C. da aprile 2008

I.V.C.. di cui alla Comunicazione Confcommercio del 18 aprile 2007

Totale

Quadri

250,0

76,69

18,80

95,49

I

225,2

68,57

17,44

86,01

II

194,8

58,64

15,76

74,40

III

166,5

49,39

14,20

63,59

IV

144,0

42,04

12,96

55,00

V

130,1

37,50

12,19

49,69

VI

116,8

33,15

11,46

44,61

VII

100,0

27,66

10,53

38,19

Operatori vendita

I CAT.

 

39,34

12,58

51,92

II CAT.

 

32,21

11,38

43,59

Leggi Anche
Scrivi un commento