Influenza suina, avviso della FIMP: ” E’ necessario vaccinare nella prima fase anche i bambini”

Influenza suina, avviso della FIMP: ” E’ necessario vaccinare nella prima fase anche i bambini”

L’Italia ha già reso pubbliche le regole che governeranno il piano di vaccinazione contro l’influenza suina, ma non tutti gli esperti le approvano integralmente. In particolare, la FIMP
(Federazione Italiana Medici Pediatri) ha chiesto al ministero della Salute di rivedere le categorie prioritarie, inserendo in esse anche i bambini d’età inferiore ai due anni.

Spiega il dottor Giuseppe Mele, presidente della Federazione: “Auspichiamo che il ministero della Salute inserisca nel gruppo dei soggetti che per prima verranno sottoposti al vaccino da
influenza A anche i bambini al di sotto dei due anni. Tutti gli indicatori, anche quelli internazionali, confermano che è necessario vaccinare nella prima fase anche bambini dai due anni
in giù. La decisione, che spetta al ministero della Salute, inoltre andrebbe nella direzione tracciata in questi ultimi mesi: contenere la diffusione della pandemia coprendo con il
vaccino il 40% della popolazione e in particolare le categorie più a rischio”.

Sull’influenza A e sui modi per combatterla si è espresso anche il dottor Luc Montagnier, scopritore del virus HIV e premio Nobel per la Medicina 2008.

Intervenuto a margine del congresso SFFR-Europe “Radicali Liberi, salute e stile di vita: dal segnale cellulare alla prevenzione della malattia”, organizzato dall’Università degli studi
di Roma Foro Italico, il medico ha indicato quelli che secondo lui sono i modi migliori per difendersi dal virus.
Spiega Montaigner “Prima che il vaccino contro la nuova influenza H1N1 sia pronto, io propongo dei piccoli trucchi per prevenire le infezioni, come l’assunzione dell’integratore a base di
papaia fermentata. Per resistere all’influenza è necessario avere un buon sistema immunitario. Infatti il virus H1N1 ha causato la morte soprattutto in coloro che avevano dei fattori di
rischio, come i malati cardiovascolari. Bisogna quindi cercare di prevenire le infezioni virali come il comune raffreddore. Per cui io consiglio dei piccoli trucchi di prevenzione, come appunto
la preparazione di papaia che io stesso sto assumendo”.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento