Influenza A: si dell’Unione Europea al terzo vaccino

Influenza A: si dell’Unione Europea al terzo vaccino

L’Unione Europea autorizza la commercializzazione del terzo vaccino anti influenza A.

Gli esperti dell’EMEA (l’Agenzia del Farmaco dell’UE) hanno giudicato idoneo il prodotto ed a breve si attende il parere della Commissione sulle modalità d’immissione sul mercato.

Il vaccino è stato creato dalla Baxter ed, a differenza dei precedenti, non contiene adiuvanti, cioè sostanze che ne potenzino l’efficacia.

Come i due precedenti, anche per il vaccino odierno è consigliata la somministrazione in due dosi, a distanza di tre settimane l’una dall’altra.

Questo è il parere del CHMP ( Comitato per i medicinali per uso umano dell’Emea), che ritiene il prodotto adatto per gli adulti, le donne in gravidanza ed i bambini sopra i 6 mesi. Gli
esperti UE sottolineano però come si “Continuerà a valutare ogni informazione disponibile per assicurare che i benefici di tutti i vaccini pandemici superino gli eventuali rischi,
considerando la diffusione e la severità della pandemia”.

Intanto, l’OMS rende noto come il virus H1N1 abbia causato circa 4.100 dall’individuazione della malattia in Messico, nel marzo scorso.
Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, i decessi sono concentrati nel continente americano (3.020), seguito da Sud-est asiatico (413), Pacifico occidentale (383),
Europa (almeno 176), Medio oriente (74) e Africa (42). Al mondo sono inoltre presente circa 343.298 individui che hanno contratto la malattia.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento