Influenza A: i contagiati sviluppano dei super anticorpi

Influenza A: i contagiati sviluppano dei super anticorpi

Essere colpiti dall’influenza A è fastidioso, può essere pericoloso, ma porta grandi benefici. Quando il virus H1N1 viene a contatto col sistema immunitario, esso crea dei
super-anticorpi, in grado di eliminare diversi tipi di virus influenzali.

Questa la tesi di una ricerca dell’Università di Chicago e dell’Università di Emory, diretta dai dottori Rafi Ahmed e Patrick Wilson e pubblicata su “Journal of Experimental
Medicine”.

L’equipe diretta da Wilson e Ahmed ha osservato 9 pazienti: intervallo d’età 20-30 anni, tutti colpiti

dalla pandemia. L’analisi del loro siero ha rivelato come essi avessero risposto all’infezione con “Una reazione immunitaria forte ad ampio spettro”: detto altrimenti, possedevano antcorpi
validi sia contro l’H1N1 che contro altri virus influenzali. Nel mucchio dei bersagli, gli esperti inseriscono il virus della terribile influenza spagnola del 1918 e H5N1, virus dell’influenza
aviaria.

E il bonus potrebbe essere diffuso. I ricercatori sono infatti al lavoro: obiettivo è usare i super-anticorpi per produrre un vaccino universale, valido contro diversi virus influenzali.
I

FONTE: Jens Wrammert, Rafi Ahmed e Patrick Wilson et al., “Broadly cross-reactive antibodies dominate the human B cell response against 2009 pandemic H1N1 influenza virus infection”,J
Exp Med jem.20101352. Published January 10, 2011, doi:10.1084/jem.20101352

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento