AIDS, è efficace il vaccino italiano stimola gli anticorpi

AIDS, è efficace il vaccino italiano stimola gli anticorpi

Il contrasto all’AIDS parla anche italiano. E’ in fase di sperimentazione un vaccino che promette di ripristinare l’azione del sistema immunitario dei malati, correggendo la degenerazione
provocata dal virus HIV.

è l’obiettivo di una ricerca ancora in corso dell’Istituto Superiore di Sanità (Sezione Centro nazionale AIDS), diretta dalla dottoressa Barbara Ensoli e pubblicata su “PLoS ONE”.

Gli scienziati sono partiti dalla constatazione delle disfunzioni collaterali legate al virus. Tali problemi, che vanno dall’invecchiamento precoce, sono molteplici e di solito non vengono
bloccati dalla terapia antiretrovirale classica. Alla base della corruzione, la proteina Tat che stimola HIV, rendendolo capace di sfuggire ai farmaci ed intaccare il sistema immunitario.

La soluzione degli esperti ISS è stata così la progettazione di un vaccino a doppia azione.

Quando interagisce coll’organismo, spiega la dottoressa Ensoli, il composto “Arriva dove i farmaci non arrivano. Blocca l’immunoattivazione, aumenta le cellule B, le cellule immunitarie
ritrovano funzionalità, c’è insomma un ritorno verso l’equilibrio in pazienti che sono gia’ sottoposti a una terapia farmacologia efficace.

Quando invece viene a contato col virus, il vaccino sfrutta i rinvigoriti anticorpi, scatenando una reazione immunitaria con bersaglio Tat: in questo modo il virus diventa una macchina senza
motore ed a potenziale distruttivo limitato.

Gli scienziati dell’Istituto Superiore di Sanità hanno messo alla prova il vaccino Tat su 87 volontari, malati di AIDS trattati dopo settimane. Tale sperimentazione clinica di fase II ha
provato come la combinazione vaccino Tat-terapia antiretrovirale stimolasse il sistema immunitario prostrato da HIV, migliorando la qualità della vita dei soggetti.

Per il dottor Garagi, presidente ISS, il bilancio parziale è perciò positivo: “Questi risultati dimostrano che valeva la pena di esplorare le potenzialità del vaccino Tat.
Il miglioramento dei parametri immunologici nei pazienti vaccinati trattati con terapia antiretrovirale rappresenta una tappa importante, e non ci fermiamo qui”.

Gli fa eco la collega Ensoli: “Questo vaccino arriva dove i farmaci non arrivano. Blocca l’immunoattivazione, aumenta le cellule B, le cellule immunitarie ritrovano funzionalità,
c’è insomma un ritorno verso l’equilibrio in pazienti che sono gia’ sottoposti a una terapia farmacologia efficace”. Sintetizzando, il traguardo attualmente raggiunto è
“Più che promettente, entusiasmante”.

Ma il lavoro continua. Il prossimo bersaglio sarà testare il vaccino su pazienti sintomatici (per bloccare la malattia) e subito dopo su pazienti sani (per l’effetto preventivo).

Desiderio degli scienziati è svolgere tale operazioni, complemento della fase II, coinvolgendo 160 pazienti in 11 centri clinici, per poi pubblicare i risultati entro un anno.

Tuttavia al momento, la ricerca attraversa una fase di rallentamento (se non di stallo vero e proprio) dovuta alla scarsità di fondi. Ciò è paradossale: come evidenzia
Garaci, la spesa è minima ed il ‘copyright’ del vaccino anti-Aids è tutto pubblico: è l’Istituto Superiore di Sanità a detenere i dieci brevetti che compongono la
scoperta.

Infine, va ricordato come vaccino Tat viene somministrato mensilmente con 3 o 5 somministrazioni intradermiche in due diversi dosaggi (7,5 o 30 mg), e una volta finito il ciclo la sua efficacia
è costante.

FONTE: Barbara Ensoli, Stefania Bellino, Antonella Tripiciano, Olimpia Longo, Vittorio Francavilla, Simone Marcotullio, Aurelio Cafaro, Orietta Picconi, Giovanni Paniccia, Arianna
Scoglio, Angela Arancio, Cristina Ariola, Maria J Ruiz Alvarez, Massimo Campagna, Donato Scaramuzzi, Cristina Iori, Roberto Esposito, Cristina Mussini, Florio Ghinelli, Laura Sighinolfi, Guido
Palamara, Alessandra Latini, Gioacchino Angarano, Nicoletta Ladisa, Fabrizio Soscia, Vito S Mercurio, Adriano Lazzarin, Giuseppe Tambussi, Raffaele Visintini, Francesco Mazzotta, Massimo Di
Pietro, Massimo Galli, Stefano Rusconi, Giampiero Carosi, Carlo Torti, Giovanni Di Perri, Stefano Bonora, Fabrizio Ensoli, Enrico Garaci, “Therapeutic Immunization with HIV-1 Tat Reduces Immune
Activation and Loss of Regulatory T-Cells and Improves Immune Function in Subjects on HAART”, PLoS ONE: Research Article, published 11 Nov 2010 10.1371/journal.pone.0013540

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento