Influenza A. Fazio sicuro: “Il picco è in discesa clamorosa”

Influenza A. Fazio sicuro: “Il picco è in discesa clamorosa”

La diffusione del virus H1N1 ha raggiunto il picco ed i casi d’influenza A sono in nettissima diminuzione. Ad affermarlo, il viceministro alla Sanità Ferruccio Fazio, al termine della
Conferenza Stato-Regioni sul patto salute.

Come spiega Fazio: “Il picco sta scendendo dovunque – ha detto – tranne che in Sardegna e in Friuli Venezia Giulia. Nell’ultima settimana i casi sono stati 400mila, la settimana precedente ce
n’erano stati 700mila. E la mortalità è allo 0,003 per mille”. Secondo il politico, “Questo picco è sceso ed è stato superato ma alcune pandemie, come quelle
del 1918 e del 1968 hanno mostrato più picchi”.

In ogni caso, gli esperti invitano a rimanere vigili: l’inverno è lungo e nuove ondate della malattia sono possibili. Così il dottor Rezza,dell’Istituto superiore di sanità
(ISS): “Se questa ondata ha colpito in particolare i bambini sotto i 15 anni, la prossima potrebbe concentrarsi sugli ‘over 15’. Dunque non è il momento di abbassare la guardia. Anche
perché piccole mutazioni del virus possono in qualche modo favorirne la diffusione”.

In ogni caso, la campagna anti pandemia continua secondo i piani.

Venerdì, gli addetti della Croce Rossa consegneranno altre 2.393.000 dosi di vaccino in tutta Italia “Dal momento che aumenta la disponibilità di siero pandemico, è bene
approfittare della possibilità di vaccinazione”, chiarisce Rezza.

Inoltre, da oggi possono partire ufficialmente le vaccinazioni per anziani e bambini.

Annuncia Fazio: “Abbiamo firmato l’ordinanza per estendere la vaccinazione contro l’influenza A agli over 65 con patologie croniche. Oltre a questi soggetti, c’è il via libera anche per
vaccinare i bambini tra i 6 mesi e i 17 anni. Complessivamente sono più di 600 mila le persone vaccinate e l’Italia ha stock importanti: in questo momento siamo a 6 milioni ma altre dosi
arriveranno ed entro il 15 dicembre arriveremo a 15milioni”.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento