Il latte materno viaggia su Facebook, ma attenzione alle infezioni

Il latte materno viaggia su Facebook, ma attenzione alle infezioni

Dare a chi ne ha necessità la possibilità di usufruire del latte materno in eccesso. In più, fornire alle neo mamme consigli, suggerimenti ed informazioni utili
sull’allattamento.

Questa l’offerta di “Human Milk 4 Human Babies”, portale, presente anche su Facebook, per rispondere al bisogno di risposta delle madri e, soprattutto, facilitare la donazione del latte materno
alle bisognose.

Attualmente la pagina principale conta migliaia d’iscritti e sta prendendo quota anche la succursale in lingua italiana, che al momento conta 90 iscritti.

Il fenomeno è da tempo osservato dagli addetti ai lavori, le cui reazioni sono miste. Ad esprimersi il dottor Jean-Claude Picard, presidente delle Banche del latte materno in Francia.
Per Picard, “Il diffondersi di questo tipo di donazione significa che le mamme comprendono sempre di più l’importanza e i vantaggi del latte materno” e questo è positivo.

Tuttavia, non mancano i pericoli: il medico ricorda come il latte materno possa agire da veicolo di virus e malattie, come sifilide, epatite B e C, HTLV e HIV. In più se la madre
produttrice soffre di allergie ed intolleranze può trasmetterle ai consumatori.

Inoltre, la protezione non è facile. Come ammette un collega del dottore, “Una buona pastorizzazione permette di eliminare la maggior parte di batteri e virus ma mai al 100%. E far
bollire il latte materno fa perdere la maggior parte delle sue qualità”.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

https://www.hm4hb.net/

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento