La mala alimentazione delle madri porta all’obesità dei figli

La mala alimentazione delle madri porta all’obesità dei figli

I peccati alimentari delle madri ricadono sui figli. Se le signore seguono una cattiva dieta durante la gravidanza, la prole avrà poi predisposizione aumentata all’obesità.

Questa la conclusione di una ricerca della Southampton University (Gran Bretagna), diretta dal professor Keith Godfrey e pubblicata su “Diabetes”.

Gli scienziati hanno lavorato con 300 donne incinte, registrando quantità e qualità dei cibi consumati. Poi, quando i bambini sono nati, anch’essi sono entrati nell’indagine e
seguiti per tutta l’infanzia.

Si è così visto come i figli di grandi consumatrici di junk food mostravano maggiore facilità all’accumulo di peso, indipendentemente dalla costituzione della genitrice.
Per il team di Southampton, lo junk food durante la gestazione danneggia il DNA del feto, rendendolo poi meno capace di gestire il peso.

Conclude Godfrey: “La nutrizione della madre durante la gravidanza può causare importanti cambiamenti epigenetici che contribuiscono al rischio della prole di sviluppare l’obesità
durante l’infanzia”.

FONTE: Keith M. Godfrey et al., “Epigenetic Gene Promoter Methylation at Birth Is Associated With Child’s Later Adiposity”, Diabetes published ahead of print April 6, 2011,
doi:10.2337/db10-0979

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento