Il buon sonno dei bambini è dato dai buoni rapporti coi genitori

Il buon sonno dei bambini è dato dai buoni rapporti coi genitori

Il segreto del buon sonno dei bambini sta nei loro rapporti con i genitori. Mamme e papà che passano del tempo in maniera positiva sono ricompensati dai sogni d’oro della prole.

Questo il risultato di una ricerca della Penn State University (USA), diretta dal professor Douglas Teti.

La squadra del professor Teti ha esaminato 35 famiglie, tutte con almeno 1 figlio dai 24 mesi in giù. I ricercatori hanno piazzato numerose telecamere nelle case dei soggetti, (camera da
letto in particolare) al fine di esaminare le interazioni genitori-figli.

I nastri hanno così rilevato, per cominciare, che i rapporti padre/figlio quando il primo metteva a letto il secondo erano molto brevi (2-3 minuti max) e perciò non significativi.

Allora, i ricercatori della Penn hanno puntato i riflettori sulle interazioni con le madri. Osservandole, si è notato come, tanto più la mamma era disponibili emotivamente, tanto
più i bebè si addormentavano in fretta e godevano di un riposo più tranquillo e duraturo.

Come spiega il professor Teti, l’ora della nanna può essere una prova impegnativa per i bambini. Ma se i genitori si muovono con correttezza, la prova viene superata. Spiega infatti
Teti: “L’ora di andare a letto può essere un momento molto emozionante. Preannuncia la più lunga separazione del giorno per la maggior parte bambini. Mi ha colpito il fatto che
andare a dormire, e dormire bene, è molto più facile per alcuni bambini rispetto ad altri, e volevo valutare quali fattori vi fossero in questo, e come genitori e figli
contribuiscano a formare dei modelli di sonno”.

In caso di problemi, Teti consiglia ai genitori di puntare sulla routine. Andare a dormire sempre alla stessa ora, fissare delle consuetudini e ripeterle: tutto questo aiuta. Ma, ripete lo
scienziato, la base deve essere la creazione di un clima di serenità, da ottenere con una comunicazione emotiva.

Ed i vantaggi non sono pochi: per cominciare, il buon sonno difende i bambini da problemi di attenzione, difficoltà a scuola e disturbi del comportamento.

Fonte: “For Infant Sleep, Receptiveness More Important Than Routine”, 29/07/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento