Il Biellese a Eataly, un matrimonio di gusto

Biella, 18 Ottobre 2007 – Un corner dedicato ai prodotti tipici biellesi all’interno dell’esposizione di prodotti del Paniere della Provincia di Torino, ricette cucinate con riso
biellese nel nuovo ristorante didattico specializzato in tartufo, uno spazio espositivo per i vini biellesi.

Sono le novità della collaborazione tra la Provincia di Biella e Eataly, la grande struttura che accoglie e distribuisce le eccellenze alimentari al Lingotto Fiere di Torino, le ha
presentate in una conferenza stampa nella sala del museo Carpano ieri pomeriggio l’assessore al turismo della Provincia di Biella Giuseppe Graziola. Con lui il fondatore di Eataly Oscar
Farinetti, la responsabile del Paniere di Torino Elena Di Bella, il presidente dell’Atl biellese Alberto Gatti, il direttore dell’associazione allevatori di Biella e Vercelli Ermanno Raffo e il
presidente del consorzio Terre Biellesi.

«Quella di oggi – ha detto Graziola – è una tappa, per noi importante, di un progetto che trova la sua forza nella continuità. Siamo partiti con l’esperienza straordinaria
al Salone del gusto dell’anno scorso, dove il successo ottenuto dal nostro comparto enogastronomico ci ha dato molta fiducia. Proprio in quell’occasione abbiamo dato vita al consorzio Terre
biellesi, che raccoglie tutte le potenzialità del nostro territorio e le convoglia in un unico flusso di promozione che oggi arriva a Eataly, forse attualmente una delle migliori vetrine
promozionali nel mondo».

Saranno proprio i prodotti del consorzio, l’organismo creato dalla Provincia in occasione del Salone del Gusto 2006 con l’obiettivo di promuovere l’enogastronomia locale e i suoi produttori, a
trovare spazio nella grande vetrina torinese.

In particolare il riso appunto, ma anche le altre eccellenze come la paletta, la farina di mais macinata a pietra, i formaggi di latte vaccino e i caprini, i dolci di pasticceria secca
(torcetti, canestrelli), i kiwi, la carne d’agnello, il miele, le confetture e le marmellate, i liquori tipici e i vini biellesi doc e docg premiati di recente con “l’Ottimo” dall’Enoteca
Regionale della Serra.

Lo stretto legame con il territorio di questi prodotti rappresenta un valore aggiunto per l’immagine del Biellese fuori dai suoi confini. Un impegno, quello della promozione, che la Provincia
conduce da anni inserendosi nei grandi eventi di promozione internazionale come il già citato Salone del Gusto o, di recente, il salone della montagna Alpi 365.

«Il comparto agroalimentare – ha detto Elena Di Bella – è un patrimonio tra i più notevoli del Piemonte, sono infinite le potenzialità dei luoghi e dei prodotti che
possiamo trovare nelle nostre terre. Ogni Provincia possiede una inestimabile ricchezza ed è proprio a livello provinciale che occorre stabilire una collaborazione fra i produttori
locali e l’ente pubblico per promuovere la qualità e l’eccellenza. È la strada che la Provincia di Torino ha intrapreso con il Paniere e che ora vede anche Biella nella stessa
direzione. È curioso che siano proprio due distretti prettamente industriali a puntare con convinzione sul rilancio dell’agroalimentare, che, come dimostra il successo di Eataly,
è un ottimo fattore di rilancio e sviluppo anche economico».

Il marchio del Consorzio Terre Biellesi, di cui la Provincia è socio fondatore, è stato creato per raccogliere i prodotti agroalimentari e agricoli del territorio: la tradizione
storica locale si rilancia in tal modo per farsi motore di una nuova fase di sviluppo.

Eataly è l’unica struttura in Piemonte con le necessarie caratteristiche di dimensione, specializzazione ed eccellenza qualitativa che consente l’efficacia delle attività di
promozione dei prodotti agroalimentari.

Ciò vale anche per il Biellese, da qui l’iniziativa di stipulare una convenzione con Eataly, per la durata di 3 anni, che disciplina gli impegni di carattere promozionale, con
l’organizzazione dei punti espositivi, delle attività per il 2007, i programmi, le attività per i prossimi anni.

Leggi Anche
Scrivi un commento