I gatti sono i migliori amici delle donne

I gatti sono i migliori amici delle donne

Chi gli uomini giochino pure con labrador, pechinesi e cani in generale: per le donne, i migliori amici a quattro zampe sono i gatti.

Così conclude una ricerca dell’Università di Vienna (Austria), diretta dalla dottoressa Manuela Wedl e pubblicata su “Behavioural Processes”.

Ricerche passate avevano chiarito come le vocalizzazioni ed alcune azioni del gatto fossero armi di pressione psicologica pensate per gli umani. Per avere da mangiare, un bambino piange ed un
gatto fa le fusa: e, così come il pianto del pupo, le fusa del micio interagiscono con alcune aree del cervello, spingendo il soggetto a soddisfare il bisogno dell’emittente.

Gli scienziati diretti dalla Wedl ha lavorato con 41 felini ed i rispettivi proprietari. Le coppie-uomo animale sono state osservate, le loro interazioni valutate anche tramite test
comportamentali condotti sugli animali.

I ricercatori hanno così evidenziato come le donne fossero oggetto di interazione col felino, concretizzata tramite fusa, miagolii e contatti fisici, tre volte più  che gli
uomini. Ammette la Wedl: “I gatti approcciano le padrone più frequentemente e cerca il contatto molto più frequentemente, saltando loro addosso ad esempio, piu’ di quanto non
facciano con i padroni maschi. Di sicuro il rapporto e’ più stretto tra le donne e il gatto, qualunque sia il sesso dell’animale”.

Padroni ed animali mettono in essere un rapporto di vantaggio reciproco, basato sulla manifestazione delle necessità (cibo od affetto) e sulla soddisfazione di queste. Il legame si forma
sui bisogni elementari, come il cibo, per poi evolversi, trattando situazioni diverse in modi diversi (ad es: i vari movimenti della coda). Concludono infatti gli esperti: “Un uomo e un gatto
sviluppano una serie di complessi rituali, che prevedono la comprensione dei bisogni e delle inclinazioni reciproche”.

FONTE: Manuela Wedl, Barbara Bauer, Dorothy Gracey, Christine Grabmayer, Elisabeth Spielauer, Jon Day, Kurt Kotrschal, “Factors influencing the temporal patterns of dyadic behaviours and
interactions between domestic cats and their owners”, Behavioural Processes, Volume 86, Issue 1, January 2011, Pages 58-67, doi:10.1016/j.beproc.2010.09.001

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento