Alcol: 8,5 milioni di italiani a rischio. Ed il binge drinking si tinge di rosa

Alcol: 8,5 milioni di italiani a rischio. Ed il binge drinking si tinge di rosa

In Italia, il problema del troppo alcol interessa circa 8,5 milioni di cittadini,  il 15,8% della popolazione più vecchia di 11 anni. E dall’inizio degli Anni Duemila ad oggi,
l’eccesso di bevande alcoliche è sempre più problema femminile.

Tali dati arrivano dalla settima Relazione al Parlamento sugli interventi realizzati da ministero della Salute e Regioni in materia di alcol in attuazione della Legge 30.3.2001 n. 125 “Legge
quadro in materia di alcol e problemi alcolcorrelati” trasmesso dal ministero nel dicembre 2010 ai Presidenti di Camera e Senato”.

Il lavoro degli esperti inizia con una considerazione di carattere generale: le quantità di alcolici consumati ed il consumo continuato testimoniano come l’Italia si stia allontanando
dal modello di consumo mediterraneo, diventando più simile ai Paesi Anglosassoni e del Nord Europa.

Da tali regioni del Vecchio mondo arriva la pratica del “binge drinking”, il bere a ripetizione, cercando di stordirsi nel minor tempo possibile. Nel 2009 tale abitudine a riguardato il 12,4%
degli uomini ed il 3,1%, trovando il maggior numero di sostenitori nella fascia d’età 18-24 anni (21,6%), seguita da vicino dalla fascia 25-44 anni (17,4%).

Ed il binge drinking è sempre più cosa da donne. Nella fascia calda dei 18-24 il 7,9% dei praticanti è donna; se poi si analizza la fascia 11-15, le donne sono in netta
maggioranza.

Gli studiosi del ministero analizzano poi la composizione della fascia a rischio, i famosi 8,5 milioni di residenti. Tra questi spiccano 75.000 minori (il 18,5% dei ragazzi e il 15,5% delle
ragazze al di sotto dei 16 anni), il cui consumo di alcol dovrebbe essere teoricamente pari a zero. Ci sono poi 3 milioni di soggetti anziani (il 44,7% dei maschi over 65 e l’11,3% delle
femmine nella stessa condizione) in cui il pericolo è legato al consumo esagerato, (quasi) sempre durante i pasti.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento