I bambini obesi sono più vulnerabili al bullismo

I bambini obesi sono più vulnerabili al bullismo

L’obesità porta problemi nei problemi. I bambini obesi sono infatti le vittime prediletti degli episodi di bullismo e violenza nelle scuole.

Lo sostiene una ricerca dell’Università del Michigan (USA) diretta dalla dottoressa Julie Lumeng e pubblicata su “Pediatrics”.

Il team di lavoro è stato stimolato ad agire da un sondaggio, in cui numerosi genitori lamentavano comportamenti strani dei figli, come ansia, depressione ed isolamento.

L’equipe della dottoressa Lumeng ha preso in esame i dati di 821 bambini, forniti dal programma Study of Early Child Care e Development. Gli scienziati hanno così passato al setaccio
informazioni su da scuola, il rendimento scolastico, le abilità e la socialità, nonché il reddito familiare, fornite dai bambini stessi, ma anche da genitori ed insegnanti.

E’ allora diventato evidente come i bambini obesi avessero il 63% probabilità in più di essere vittime del bullismo quando frequentavano le classi superiori della scuola primaria
rispetto ai coetanei di peso normale.

Allora, la Lumeng e colleghi avvisano gli adulti (genitori ma anche educatori) di fare particolare attenzione ai bambini obesi.

La loro condizione (già precaria a livello fisico) potrebbe essere danneggiata da abusi fisici e verbali, con tutte le conseguenze negative del caso.

Fonte: Julie C. Lumeng, Patrick Forrest, Danielle P. Appugliese, Niko Kaciroti, Robert F. Corwyn, and Robert H. Bradley, “Weight Status as a Predictor of Being Bullied in Third Through
Sixth Grades”,  Pediatrics 2010, doi:10.1542/peds.2009-0774

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento