Guai sanitari a Pechino? Un call center ti potrà aiutare

Firenze – I toscani che saranno a Pechino in occasione delle Olimpiadi e delle Paralimpiadi potranno rivolgersi, in caso di necessità o di emergenze sanitarie, a un servizio di
call center allestito per l’occasione, il call center avrà due sedi operative: la prima presso il Centro CAAI di Pechino (Centro Accoglienza, Ascolto e Informazione per la
comunità italiana) attivato due anni fa dalla onlus Solidarietà e Servizio; la seconda presso la sede di rappresentanza del MPS che fungerà da centrale operativa.

Compito del call center è dare informazioni ai cittadini toscani interessati da eventuali emergenze sanitarie. Per tale servizio sarà fornito, a richiesta, anche un supporto di
interpretariato, il cui costo sarà a carico dell’utente (50 euro per chiamata nelle ore diurne e 100 nelle notturne). Per ogni telefono fisso ci sarà un operatore opportunamente
addestrato.

L’orario di accesso ai due numeri di telefono fissa sarà dalle ore 8 alle 20. Durante le ore notturne (dalle 20 alle 8) entrerà in funzione un servizio di reperibilita’ telefonica
via cellulare (due operatori). Gli operatori saranno italiani sinologi, già residenti a Pechino, che resteranno a disposizione per tutto il mese di agosto e di settembre.
Tutte le informazioni utili per accedere al call center saranno riportate su apposito depliant che verrà distribuito nelle prossime settimane in tutte le agenzie di viaggio della Toscana
e nei due principali aeroporti di Pisa e Firenze. Le stesse informazioni saranno disponibili sul sito www.regione.toscana.it .

Leggi Anche
Scrivi un commento