Tangenti nella sanità, ex ministro Sirchia condannato a 3 anni

L’ex ministro della Sanità Girolamo Sirchia è stato condannato a 3 anni di carcere in primo grado per corruzione e appropriazione indebita, e in più per 5 anni sarà
interdetto dai pubblici uffici. Il processo vedeva imputate altre sei persone e una società nell’ambito di una vicenda riguardante presunte tangenti.

Secondo l’accusa Sirchia, all’epoca in cui era primario al Policlinico di Milano, avrebbe incassato denaro da multinazionali specializzate in prodotti sanitari per favorirle nell’assegnazione
di appalti. Alcuni dei fatti contestati sono già prescritti, quelli residui vicini alla precrizione e la condanna a 3 anni sarebbe coperta da indulto.

I legali di Sirchia hanno annunciato comunque ricorso in appello. La condanna è più pesante di quella richiesta dall’accusa che era di 2 anni e 9 mesi, mentre la difesa aveva
chiesto l’assoluzione. «Sono stato condannato nonostante prove e testimonianze a favore, evidentemente non siamo riusciti a convincere i giudici», ha commentato Sirchia.

Leggi Anche
Scrivi un commento