Gravidanza, mangiare per due rovina il cervello dei figli

Gravidanza, mangiare per due rovina il cervello dei figli

“Le madri incinte devono mangiare per due”: l’affermazione di saggezza popolare non è solo sbagliata, ma pericolosa. L’eccesso di alimentazione durante i nove mesi colpisce lo sviluppo
mentale dei bambini, aprendo la strada a deficit e malattie mentali.

L’avviso è fornito da una ricerca della McMaster University (di Hamilton, Canada), diretta dal dottor Ryan Van Lieshout e pubblicata su “Obesity Reviews”.

Gli studiosi hanno condotto un’indagine revisionale, prendendo in considerazione 12 indagini precedenti, tutte incentrate sull’alimentazione di signore in stato interessante.

L’esame ha fatto così emergere i problemi legati all’eccesso di cibo delle donne: tra questi, un più alto rischio per la prole di, sindromi come il deficit d’attenzione o
l’iperattività e QI inferiore alla media. Durante la crescita, i bambini erano inoltre più propensi a disordini alimentari (durante l’adolescenza e schizofrenia (età
adulta), quest’ultima il 24% più frequente rispetto alla media.

Riguardo al perché del fenomeno, ci sono solo ipotesi: quella più credibile lega la troppa alimentazioni a disordini ormonali, in grado di peggiorare lo sviluppo della prole.

In ogni caso, concludono gli esperti canadesi, tali dubbi non sminuiscono il messaggio: le donne in gravidanza devono mangiare in maniera misurata ed equilibrata.

FONTE: Laura Donnelly Leah Farrar, “Eating for two risks harm to the baby”, Telegraph, 26/06/011

R. J. Van Lieshout, V. H. Taylor and M. H. Boyle, “Pre-pregnancy and pregnancy obesity and neurodevelopmental outcomes in offspring: a systematic review”,Obesity Reviews Volume 12, Issue 5, May
2011, Pages: e548-e559, DOI: 10.1111/j.1467-789X.2010.00850.x

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento