Gli integratori di calcio aumentano il rischio per il cuore

Gli integratori di calcio aumentano il rischio per il cuore

Gli integratori a base di calcio sono assunti (quasi) quotidianamente da numerose persone, sopratutto anziane, al fine di rinforzare le ossa. Tuttavia, tali composti possono avere un effetto
sgradito, aumentando del 30% i problemi cardiaci

Il monito arriva da una ricerca delle università di Aberdeen (Gran Bretagna), Auckland (Nuova Zelanda) e della Dartmouth Medical School (Usa), diretta dalla dottoressa Alison Avenell e
pubblicata sul “British Medical Journal”.

Gli studiosi hanno preso in esame i dati forniti da 11 ricerche, che avevano osservato più di 12.000 soggetti over 40 che assumevano 500 mg di integratori di calcio al giorno. L’indagine
ha fatto emergere come, di base, l’effetto anti-fragilità ossea dei supplementi sia limitato. Al contrario, il pericolo per il cuore colpisce a prescindere da età, sesso e tipo di
integratore.

Ad oggi, la causa dell’aumentato rischio cardiaco è ignota. Per la Avenell e colleghi, l’ipotesi più probabile vede il calcio extra, circolante nel sangue, colpevole
dell’indurimento delle arterie.

Va inoltre notato come, se il calcio viene assunto tramite alimentazione, non ci siano problemi aggiuntivi. A riguardo, la Food Standard Agency britannica consiglia agli adulti di assumere fino
a 700 mg di calcio al giorno da latte, formaggi, e ortaggi a foglie verdi

Fonte: Mark J Bolland, Alison Avenell, John A Baron, Andrew Grey, Graeme S MacLennan, Greg D Gamble, Ian R Reid, “Effect of calcium supplements on risk of myocardial infarction and
cardiovascular events: meta-analysis”, BMJ 2010;341:c3691, doi:10.1136/bmj.c3691

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento