Gaza, Berlusconi: L’Italia farà il suo dovere per la soluzione del conflitto

Gaza, Berlusconi: L’Italia farà il suo dovere per la soluzione del conflitto

 

“L’Italia farà il suo dovere” per la soluzione della crisi israelo-palestinese. Lo ha detto il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, durante la conferenza stampa congiunta
al vertice di Sharm sulla crisi di Gaza.

Durante l’incontro con i giornalisti Berlusconi ha spiegato che il nostro Paese “vuole essere capofila per l’avvio di un Piano Marshall a sostegno dell’economia palestinese”.

Berlusconi ha anche ribadito che l’Italia ha già offerto la città siciliana di Erice come “sede dei colloqui” per la soluzione del conflitto ed ha ricordato che oggi il
ministro degli Esteri, Franco Frattini, giungerà in Medio Oriente per consentire l’arrivo di medicinali e viveri nella zona.
“L’Italia – ha concluso Berlusconi – e’ insieme agli altri impegnata in tutte le attivita’ che possano migliorare la situazione e vuole essere capofila e in prima linea a fare il suo
dovere perchè la situazione possa risolversi. Abbiamo dato il nostro benestare affinchè i nostri carabinieri si possano unire a eventuali formazioni per il controllo dei
valichi”.

L’auspicio espresso dai leaders riuniti a Sharm sul conflitto di Gaza è che “il cessate il fuoco sia permanente e che ci sia un progressivo ritiro delle forze israeliane dalla
Striscia”.

Lo ha detto ai giornalisti il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi al termine della conferenza stampa congiunta.

“Nel frattempo – ha aggiunto – l’auspicio e’ che si aprano i valichi per consentire l’arrivo degli aiuti umanitari per gli abitanti di Gaza”. Secondo Berlusconi “e’ necessario che ci
sia una riconciliazione tra Hamas e l’Autorita’ Nazionale Palestinese: senza una riconciliazione – ha sottolineato il premier – non puo’ esserci un soggetto che possa sedersi al
tavolo e parlare in nome di tutti i palestinesi con Israele per arrivare ad una soluzione del processo di pace”.

Leggi Anche
Scrivi un commento