Gardini manifesta la sua insoddisfazione per la finanziaria: “Zaia faccia di più”

Gardini manifesta la sua insoddisfazione per la finanziaria: “Zaia faccia di più”

Roma – “La Finanziaria 2010, lo ribadiamo, contiene alcuni provvedimenti significativi, in particolare quelli relativi al rifinanziamento del Fondo di solidarietà nazionale, ma nel
complesso è molto lontana dal soddisfare le esigenze di una agricoltura che attraversa una crisi senza precedenti”. Così il Presidente di Fedagri-Confcooperative Maurizio Gardini
durante il Consiglio Nazionale della federazione svoltosi oggi a Roma.

“Ci vogliono ben altri provvedimenti urgenti e con risorse adeguate – ha dichiarato Gardini – come i finanziamenti a sostegno del settore bieticolo-saccarifero e per far partire i contratti di
filiera, fermi da anni e gli interventi di carattere strutturale per assicurare un futuro ai produttori e alle loro cooperative”.

“Al Ministro Zaia che aveva espresso l’intenzione di varare un piano anticrisi – ha proseguito Gardini – abbiamo inviato le nostre proposte senza avere riscontro: ad oggi non è stato
convocato un tavolo di confronto tra MIPAAF e Organizzazioni di rappresentanza della filiera agroalimentare e manca nella Finanziaria un’idea progettuale per l’agricoltura”.

Tra le questioni rimaste aperte il presidente di Fedagri evidenzia il “mancato finanziamento delle agevolazioni per la proprietà coltivatrice: in un contesto di grave crisi con la
cronica necessità di accorpamenti fondiari in adeguamento alle dimensioni europee, si tratta – commenta Gardini – di un duro colpo per quelle aziende che ancora hanno il coraggio di
guardare avanti e investire”.

“Rilevo con amarezza – conclude –  come questo mancato provvedimento sia passato con un silenzio imbarazzate da parte dei massimi dirigenti di Organizzazioni che si autodefiniscono
rappresentative degli interessi dei produttori italiani”.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento